Che successo il riso siciliano di Agrirape

0
1836

Una serata dedica interamente all’oro bianco della gastronomia: il Riso. Alimento ricco e leggero al tempo stesso, è tornato ad essere prodotto in Sicilia grazie ad Angelo Manna, giovane imprenditore di Leonforte, che lo ha reimpiantato (Gi.Da)

Ciò che sino a pochi mesi fa era un sogno, è oggi realtà: il riso prodotto da Agrirape ha avuto successo e lunedì 27 febbraio avrà una serata totalmente dedicata e sarà conosciuto dal grande pubblico che potrà gustarlo in versione salata e dolce. La serata evento, intitolata “SorRiso Siculo – tutte le forme del riso”,  si terrà all’interno dei famosi locali della Cantina Gulfi, sita nella cittadina di Chiaramonte in provincia di Ragusa. Un alimento così speciale avrà degli chef altrettanto speciali: Carmelo Floridia, primo chef della Locanda Gulfi; Stefano Alfano e Onofrio Brucculeri dell’Hotel Imperiale di Taormina; Marco Baglieri del ristorante Crocifisso di Noto; ultimo, ma altrettanto importante, Giuseppe Causarano della Fattoria delle Torri di Modica. Inoltre Corrado Assensa di Noto, pasticcere per passione, convinzione e tradizione familiare, omaggerà il riso con una creazione a lui dedicata. Gli chef, oltre a farci conoscere il riso con deliziosi finger food e idee creative, si cimenteranno nell’Arancino Maraton, una “gara” di arancini classici e innovativi che verranno fritti al momento, e che creano già l’acquolina in bocca. Durante la serata si parlerà di riso anche in altre vesti: la famosa stilista catanese Marella Ferrera, insieme al dipartimento di Design dell’accademia Abadir di Catania, omaggerà  il riso siciliano con dodici progetti e plastici a lui dedicati. Anche il maestro vetraio modicano Alessandro Di Rosa mostrerà delle creazioni dedicate al riso durante la serata.

Ciò che tutti aspettano è la sorpresa di Franco e Pierpaolo Ruta dell’antica dolceria Bonajuto, che omaggeranno il riso con una preparazione ad hoc. Angelo Manna sta dimostrando coraggio in questo suo progetto di sviluppo per la nostra isola. È supportato dai genitori Maria e Giuseppe che riconoscono sempre la loro gratitudine all’amico Carmelo Floridia, che ha suggerito l’idea di reimpiantare la coltura del riso in Sicilia e che con i suoi consigli li supporta costantemente. Agrirape  oltre al riso produce anche  la pesca di Leonforte, antica varietà locale con aroma e un profumo molto intenso, i cui  frutti nel mese di giugno, vengono applicati in sacchetti per ogni frutto direttamente sull’albero.  In questo modo, per 4 mesi, fino alla raccolta, ogni frutto è protetto nei confronti degli insetti e non subisce nessun trattamento chimico. Grazie a questa pesca speciale si produce, poi, una straordinaria confettura extra di pesca con l’80% di frutta e senza conservanti, così come la frutta sciroppata di pesche e albicocche. Un altro prodotto particolarissimo prodotto dall’azienda di Angelo Manna è la lenticchia nera, prodotto tipico dell’ennese che ha rischiato l’estinzione fino a pochi anni fa e che si sta cercando di recuperare.

ERRATA CORRIGE: “Ci scusiamo dell’errore, ma lo Chef Corrado Assensa, sarà presente come ospite. Certamente il Riso di Agrirape sarà omaggiato in versione dolce, da Franco e Pierpaolo Ruta dell’antica dolceria Bonajuto”

Giuliana Avila Di Stefano

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui