“Sapori al fresco”, poesie e ricette di libertà.

0
1150

GIUFFRèSarà presentato venerdì 8 giugno tra le 10 e le 14 presso la Sala Conferenze della Casa Circondariale di Trapani “Sapori Al Fresco” ideata dalla Direzione del Carcere in collaborazione con l’Istituto Tecnico Commerciale “Leonardo Sciascia” di Erice e con il contributo dell’editore Salvatore Coppola, che ha reso possibile l’iniziativa offrendo gratuitamente le copie destinate ai detenuti (SdG)

 

È uno spaccato di vita carceraria dal punto di vista degli stessi che lo vivono, autori essi stessi dei racconti, delle poesie e delle ricette contenuti nel libro. Il volume è stato concretizzato grazie all’impegno della professoressa Antonella Parisi e contiene la prefazione di Peppe Giuffrè. (foto). Il libro diventa, così, un pretesto interessante per meditare sul tema della privazione della libertà e su come i detenuti stessi si adoperino con ogni tecnica di sopravvivenza affinché poter vivere una parvenza di vita familiare riprodotta in una cella.

Certamente non un progetto pilota, dato che iniziative simili sono già partite in altre case circondariali  – Padova e Varese ad esempio: ma la buona notizia è che iniziative di alto valore etico come queste, volte al recupero delle devianze ed al reinserimento dei detenuti, si allarghino a macchia d’olio e trovino casse di risonanza adeguate allo scopo che si prefiggono. Recupero, reinserimento, reintegro ed apprendimento di un mestiere : queste sono di certo le finalità di un carcere di cui ci piace parlare. Quindi carcere non più meramente punitivo e coercitivo, ma educativo.

Un recupero possibile che passa attraverso le maglie della sofferenza fino a qualche tempo fa sin troppo strette e che accende nuove speranze regalando, perchè no, anche un attimo di protagonismo a quella fascia sociale – la popolazione carceraria – che per troppo tempo è stata dimenticata e relegata alle periferie delel città, senza più alcuna identità.

Alcune ricette ideate dai detenuti verranno realizzate “in loco” dallo chef Peppe Giuffrè ed offerte alla degustazione dei presenti. Il libro verrà offerto in omaggio, ma sarà anche e soprattutto occasione per poter raccogliere dei fondi destinati al sollievo delle condizioni di vita carceraria dei detenuti, attraverso il tramite di Don Gaspare Gruppuso, cappellano della Casa Circondariale di Trapani.

Interverranno numerose Autorità: i neo sindaci delle città di Erice e di Trapani, il Vescovo di Trapani, il Prefetto ed altre Autorità cittadine civili e militari. Alcuni brani selezionati saranno letti dagli attori Marcello Mazzarella e Alma Passarelli Pula, lo scrittore Giacomo Pilati, il pianista Vincenzo Marrone D’Alberti.

SdG

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui