Olivicoltura palermitana: il rilancio parte da Marineo

0
1084

oliveL’appuntamento è fissato per sabato 14 maggio a Marineo, in provincia di Palermo. E’ lì che, organizzato da Acli Terra Palermo, Acli Terra Marineo, dall’Associazione e dalla Confraternita SS Salvatore di Marineo, con la collaborazione del Comune di Marineo, della Provincia di Palermo

 della Regione Siciliana,  della Proloco di Marineo, del Gal Monreale Terre Normanne, del Mercato degli Agricoltori dell’Unione dei Comuni Rocca Busambra Alpe Cucco e del consorzio Verdeorolio Bilici si terrà un incontro per fare il punto sulle “Strategie di sviluppo dell’olivicoltura del futuro”. Nella provincia di Palermo sono 26 mila gli ettari di olivo coltivati, in pratica circa il 20 per cento dei 130 mila ettari coltivati in tutta la Sicilia. L’Isola, con 18 milioni di piante  ed una produzione di circa 30-50 mila tonnellate di olio extra vergine, rappresenta la terza regione italiana per il settore olivicolo.

“Il rilancio dell’olivicoltura – dice Nicola Perricone, presidente di Acli Terra Sicilia- deve seguire una strada ben precisa e strategica, in contesto euromediterraneo ed internazionale sempre più selettivo ed esigente. La competitività del comparto potrà realizzarsi quando i coltivatori saranno orientati all’impresa, alla commercializzazione in bottiglia con la tracciabilità completa e al marketing”.

Arianna Zito

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui