Il menù di Petru Fudduni: uova a stricasali, pani e tumazzu ca racina

0
2769

Questa volta ci imbattiamo in un personaggio davvero originale ma, allo stesso tempo assai curioso. Ricco di sfaccettature e di quell’alone di mistero simile all’utilizzo del sale per le pietanze: qb (quanto basta). Si tratta di Petru Fudduni che incontriamo al mercato del Capo di Palermo. Nostro complice è il Cieco di Spaccaforno poeta vernacolare, acerrimo suo amico-nemico che “duella” a colpi di versi e saggezza, ma meno fortunato perché non è mai stato ammesso a frequentare l’Accademia dei Riaccesi. (A.Fi.)

 

 

Troviamo Petru Fudduni all’angolo d’una cantunera (traversa) a recitare poesie, le sue originali poesie, i suoi famosi “duelli in versi” ad una giovane del quartiere e ad un anziano che gli si avvicina quasi a volergli  “rubare” dalla bocca quartine e ottava. Notiano, nel frattempo, anche l’arrivo di Piergiuseppe Sanclemente, alias Giuseppe Galeani, medico molto noto a Palermo che ha spifferato un giudizio poco lusinghiero su Petru Fudduni: “Egli non ha in tutta l’età sua studiato giammai cosa alcuna, o di umanità, o di scienze, per essere stato forzato ad accompagnare la tenuità della sua nascita, e della sua fortuna con esercizi affatto lontano dagli studi, maneggiando invece di penna la bipenne. E pure l’ha dotato la Natura di memoria così grande, di facilità, e prontezza di vena così inesausta, e d’ingegno così spiritoso, e fecondo, che nulla sapendo più, che mediocremente leggere, e scrivere, ha composto infinite rime in lingua siciliana, nelle quali si vede una franchezza di stile ammirabile, una sonorità di metro incredibile e una altezza di concetto, che in persona di un semplice idiota son di stupore a tutti, e son d’invidia a molti che gravidi di scienza non arrivano a lui”.

Però è assai curioso come il Cieco di Spaccaforno ci ricordi un aneddoto capitato al poeta palermitano. Ce lo racconta così come lo ha avuto narrato qualche tempo prima. Anzi quando viene a conoscenza che scriviamo per “Scelte di Gusto”, l’aneddoto cade come si suole dire in questi casi, a fagiolo. “A sapiri che un tizio un giorno incontrandolo, forse era a Marina gli domandò: Qual’è ‘u megghiu muccuni? E Fudduni rispose all’istante: “L’ovu”. Il tizio se ne andò per la sua strada e sembra che qualche tempo dopo s’incontrò ancora una volta con Petru Fudduni e gli disse: “Cu chi”? e candidamente u pueta rispose “Bestia ca sì, cu sali”. Il Cieco di Spaccaforno, prima di farci incontrare con il l’ex tagliapietre ci dà un consiglio: “Un parrari in italianu, Fudduni capisci sulu u sicilianu”.

Fiasconaro: Zu Petru, comu iamu? Comi sta?

Fudduni: “E comu a stari, come chiddi c’aspettani di moriri. Sugnu stancu. A lingua mi sta siccannu. A parratu troppi na ma vita. Ora mi vogghiu ripusari”.

Fiasconaro: Parramu picca, allura. Mi dicissi na cosa, ma lei cosa mancia di solitu?

Fudduni: “Mi sta pigghiannu pu culu? Sta babbiannu? Di soluti manciu acqua e puisia. Puisia e acqua. Cosa nun manciu ci pozzu cuntari. A matina quannu mi susu du jazzu mi pigghiu un bacileddu di latti di crapa e un pezzu di pani duru. A mezziornu manciu unni mi capita: o Capu, a Vucciria, a Baddarò, a Marina. Un uovu a stricasali, pani e tumazzu, accompagnatu ca racina. Poi se quarchi anima gintili mi fa manciari giustu, ma nun succeri sempri, una fedda di carni arrustuta a tastu. Sapissi com’è duci?  Comu zuccarui e u meli”.

Fiasconaro: Mi scusassi ancora, ma lei virdura ni mancia?

Fudduni: “Eccomu sinni manciu. Mi piaciuni i carduna, i qualazzi, i sinapi. Inzummi virdura pi cu avi u stomacu di ferru comu l’hai iu”.

Fiasconaro: Mi livassi natra curiosità, ma lei comu dicuni chianu chianu, è accussi veramenti camurrusu?

Fudduni: “Ma lei pi me gusti sta parranni assai. A voli sapire na cosa? I paroli sani a dusari. Si parra sulu qunnu piscia a sciocca. Capisti? Quindi, quanni parri cu cchicchesia, misura sempri i paroli”.

Fiasconaro: E’ veru chi lei addumanna l’elemosina pi manciari davanti u Palazzi Arcivescuvili? E’ veru che duellò cu viscuvu, quanni ci dissi che “Povira e minnica è la scienza” e gli diede un pezzu di pani… Stu episodiu mu cuntò l’orbu di Spaccafornu

Fudduni: “U Spaccafarnu è na cosa inutili. Un si fa mai i cazzi sua. E’ veru addumannai u pani o viscuvu e ci rispunniu: eh cara Eminenza veru è, ma avi a sapiri ca di russa va vistuta l’ignuranza…”.

Fiasconaro: Zu Petru, u supi che ora a scola s’insigna puri u sicilianu?

Fudduni: “U sicilianu, beddu miu, s’impara menza a strada. Insignatillu. A scola è fatta pi autri cosi”.

Antonio Fiasconaro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui