La riscoperta del vino rosè siciliano

0
1253

Scrivere della nascita di un nuovo vino che doni sensazioni positive è sempre un gran piacere. E’ il caso di “Memorie” di Fondo Antico, azienda trapanese della famiglia Polizzotti Scuderi, che nel suo percorso di una quindicina d’anni è costantemente cresciuta anche attraverso l’impegno degli enologi Vincenzo Bambina e Lorenza Scianna.

Gli ottanta ettari di proprietà si trovano in frazione Rilievo sulla S.S. 115 che collega Trapani a Marsala, alcuni dei vini prodotti in questi anni sono certamente tra i più interessanti del panorama enologico siciliano. “Memorie” è un vino rosè ottenuto da uve Nero d’Avola e ben rappresenta il miglioramento qualitativo dei vini siciliani dedicati a questa categoria, frutto dell’attenzione dei produttori per una tipologia fortemente mortificata negli anni passati e che oggi trova un ottimo riscontro nel gusto dei consumatori.

La forma della bottiglia di questo vino è veramente particolare, direi impegnativa e lascia presagire una ricercata cura del prodotto. Lo assaggio con una certa curiosità ed il giudizio finale è positivo. Versandolo nel bicchiere mostra un bel colore buccia di cipolla estremamente luminoso, accostandolo al naso effonde, veicolate dall’alcol, pulite sensazioni floreali di rosa e fruttate di ciliegia, fragola, amarena e piacevoli note speziate che invogliano all’assaggio. Al palato le sue componenti sono ben bilanciate, alcol, freschezza e sapidità si alternano piacevolmente. Vino godibile e di grande abbinabilità, ideale ad esempio con scampi gratinati, con pesce arrosto, primi piatti impegnativi quali agnolotti al sugo di cernia o cavatelli al sugo di maiale, ma anche con la classica parmigiana di melanzane ed un’infinità d’altri piatti.

Luigi Salvo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui