La bottega-ristorante “Cibus” di Palermo insignita nell’Albo d’oro “Sua Eccellenza Italia” del Gambero Rosso

0
1906

Prestigioso riconoscimento ad una storica bottega-ristorante di Palermo. Si tratta di Cibus, locale tipico di via Emerico Amari a Palermo, che grazie alla dedizione al lavoro di Franco Giglio e di suo figlio Stefano, ha senza dubbio segnato tappe importanti della storia della gastronomia siciliana. Il riconoscimento è arrivato dal “Gambero Rosso” che oggi a Roma, iscriverà la storica bottega-ristorante palermitana nell’Albo d’oro di “Sua Eccellenza Italia”. (A. Fi.)

È stato Paolo Cuccia, presidente di “Gambero Rosso”, a comunicare al patron di Cibus, Franco Giglio, l’assegnazione dell’importante riconoscimento.

“Sono onorato del fatto che Gambero Rosso ci abbia insignito di un così prestigioso riconoscimento che premia il nostro ruolo di promozione, tutela e divulgazione della cultura gastronomica in Sicilia ha detto emozionato commenta Franco Giglio -. L’inserimento nell’Albo d’Oro del Gambero Rosso è motivo d’orgoglio per me, la mia famiglia e per i nostri collaboratori”.

Da vent’anni Gambero Rosso svolge un ruolo di stimolo nei confronti di ristoratori, produttori di vino e artigiani, raccontando il “food&wine” made in Italy a partire dalle persone. Persone come Franco Giglio, vero custode della memoria del gusto siciliano, che dal 1989 diffonde cultura gastronomica a trecentosessanta gradi.

Il libro d’oro dei 25 anni del Gambero Rosso raccoglie solo le eccellenze gastronomiche del nostro Paese, dal piccolo artigiano alla grande industria di qualità che esporta in tutto il mondo: realtà che hanno contribuito a far diventare il settore del “food&wine” e dell’ospitalità, fiore all’occhiello dello Stivale.

Nell’importante iniziativa editoriale saranno raccolte più di 750 storie e altrettante immagini per raccontare i successi imprenditoriali dei protagonisti dell’enogastronomia italiana. Storie come quella di Franco Giglio che, con Cibus e la propria cultura culinaria, sono divenute il miglior biglietto da visita del nostro Paese.

Antonio Fiasconaro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui