Gelato da record: il cono più grande del mondo è quello di Mirco Della Vecchia

0
3503

Gelato: è guinness world record firmato Italia. Il cono più grande è quello del maestro cioccolatiere Mirco Della Vecchia, che all’edizione 2011 del Sigep realizzò con il suo team un cono alto 281 centimetri (4.870 kg), con sette colleghi artigiani dopo 30 ore di lavoro e che oggi è stato certificato ufficialmente come nuovo record mondiale. (P. Pi)

 

A misurare l’enorme scultura gastronomica era stata un’altra italiana, Lucia Sinigagliesi, italiana con base a Londra, responsabile del Guinness dei Primati per l’Europa. Latte fresco, zucchero, panna, mascarpone, rinforzo aromatico alla torta, guarnizione all’amarena, tutti firmati dalla bolognese Fabbri gli ingredienti; per il cono sono state utilizzate duemila cialde e 700 chilogrammi di cioccolato bianco per l’interno.

Il tentativo è ufficialmente inserito nel libro dei Guinness (il quarto per diffusione al mondo, dopo la Sacra Bibbia, le citazioni di Mao e il Corano, con 580.350 milioni di copie) dove vengono menzionati solo i record più spettacolari. È l’ennesimo guinness che l’artista si assicura, essendo stato (tra i tanti titoli) nel 2009 e nel 2010 primatista mondiale per la realizzazione della più grande struttura, campione italiano di cioccolateria nel 2007 e nel 2008 e sempre nel 2008 ha ricevuto tre medaglie di bronzo alle olimpiadi di Erfurth in Germania.

E’ presidente nazionale della Cna Alimentare e socio fondatore della «Fine Chocolate Organization», associazione di cioccolatieri che punta, in un’ottica di sviluppo sostenibile e solidale, all’approvvigionamento di cacao direttamente dai paesi produttori, senza lo sfruttamento della manodopera. Il 2011 si conferma anno strepitoso: ha conquistato il secondo posto per la miglior pralina all’aceto balsamico tradizionale di Modena, è stato curatore mondiale della tappa “World Chocolate Exibition” a Hong Kong.

Dello scorso novembre è la vittoria al concorso “Choccoshow Awards” di Bologna con il miglior cioccolatino cremino classico (con un tocco di pistacchio) e la tavoletta di cioccolato più grande del mondo è risultata l’ottavo guinness dei primati per il pasticcere: è lunga 15 metri e larga due, pesa oltre 300 chili e per assemblare le 360 placche che la compongono Della Vecchia e l’amico Giuseppe Sartoni hanno passato tutta la notte a lavorare.

La tavoletta dei record è anche biologica ed è formata da un inedito mix di cioccolato ecuadoregno (l’Arriba national superior) e dominicano (Repubblica Dominicana Bio). E’ stata messa in vendita, ha fruttato quasi 2200 euro e il ricavato andrà agli alluvionati della Liguria. Nella sua azienda bellunese, Nella sua ditta a San Gregorio nelle Alpi (Belluno) crea delizie come praline, creme, tavolette – ovviamente a base di puro burro di cacao – e altri prodotti in maniera equa e solidale, acquistando il cacao direttamente dai produttori sudamericani.


Le sue chicche vanno dalle tavolette classiche a quelle con peperoncino, mirtilli, lamponi, cannella, menta, prosecco, rhum, ginepro, fino alla tavoletta 100% di cioccolato puro. Nel 2008 insieme alla Regione Veneto ha dato inizio al percorso che vedrà la costituzione di una scuola di cioccolateria in cui formare cioccolatieri a livello mondiale. Oggi ha una catena di franchising con il suo logo, ed esporta in tutto il mondo.

Novità: la sua è l’unica ditta bellunese presente nel pacchetto Smartbox Benessere Privilège. Si tratta di un cofanetto regalo che comprende 165 emozionanti trattamenti benessere a scelta per una persona come massaggi esfolianti al burro di cacao, un massaggio con crema spalmabile di cioccolato e miele o i benefici tonificanti della lavanda e del cioccolato.

Il mastro cioccolatiere è anche designer di gioielleria: Mirco Della Vecchia ha prodotto gioielli di cioccolato per le più famose star della tv e dello spettacolo, creando una collezione esclusiva e originale disponibile nei negozi della catena.

Paola Piovesana

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui