FORUM REGIONALE SVILUPPO RURALE: RISULTATI RAGGIUNTI E OBIETTIVI FUTURI DEL PSR SICILIA 2007-2013

0
1289

Lo sviluppo delle aree rurali è obiettivo di fondamentale interesse per la Sicilia, principale mercato agricolo italiano. Una regione sempre più reale scenario di modernizzazione . Questo quanto discusso ieri a Palermo in occasione del Forum Regionale Sviluppo Rurale che si è tenuto al Grand Hotel et des Palmes (M.Ma.)

 

All’evento hanno preso parte autorità nazionali ed internazionali come Rosaria Barresi, Autorità di Gestione del PSR Sicilia 200-2013; Elio D’Antrassi (nella foto a destra) assessore regionale delle Risorse Agricole e Alimentari; Graziella Romito, rappresentante del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Renato Mannheimer (foto sotto), presidente dell’Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione, ha partecipato in videoconferenza, illustrando i risultati di un’indagine condotta sulle opinioni dei siciliani sugli ambiti di attuazione del PSR Sicilia 2007-2013 che si propone di sostenere lo sviluppo delle aree rurali della Sicilia, migliorarne la competitività, valorizzare il territorio a partire dalle molteplici potenzialità del settore agricolo, alimentare e forestale. Dal 2008 innumerevoli iniziative ed interventi hanno consentito di ridisegnare il volto delle aree rurali della Sicilia, rivalorizzandole. Al PSR Sicilia 2007-2013 sono stati destinati più di 2 miliardi di euro. Ad oggi circa il 90% delle risorse è stato impegnato. L’amministrazione regionale è infatti riuscita a superare, per ogni anno del PSR, l’obiettivo di spesa determinato dalla Comunità Europea, evitando il disimpegno automatico, ovvero la perdita delle risorse economiche europee. Finanziamenti che grazie ad un’ottica di progettualità e competitività, sono diventati in breve tempo concreti progetti di sviluppo. Particolare attenzione al ricambio generazionale con il Pacchetto Giovani, che ha consentito l’insediamento in agricoltura di 880 imprenditori a cui presto si aggiungeranno altri 400 giovani. Meritano menzione, inoltre, il progetto Banda Larga e i Progetti integrati di Filiera. Per contrastare le difficoltà di accesso al credito degli imprenditori, è stato predisposto un Fondo di Garanzia per gli investimenti privati per un ammontare complessivo di 37 milioni di euro. Nel pomeriggio sono state illustrate alcune “best practice”, progetti di eccellenza realizzati nella regione, e le storie di successo degli imprenditori che hanno fronteggiato la crisi del mercato agricolo creando nuova occupazione.

Una notevole quantità di risorse investite che ha assunto un ruolo di vitale importanza per il rilancio di molte aziende siciliane che hanno dimostrato fiducia nelle proprie possibilità di sviluppo e che ha tratto vantaggio dal sostegno previsto dal PSR Sicilia 2007-2013″. Così l’AdG  Rosaria Barresi in merito agli effetti dell’applicazione del Programma.

Secondo Elio D’Antrassi “il salto di qualità per il settore agroalimentare potrà essere compiuto puntando sulla Progettazione integrata di Filiera che originerebbe un circolo virtuoso in grado di riqualificare il territorio, creare occupazione permanente e limitare le forme di disorganizzazione produttiva“.

Marcello Malta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui