Home Primo Piano L’etichettatura della pasta? Non serve a niente. Ecco perchè.

L’etichettatura della pasta? Non serve a niente. Ecco perchè.

0 574

spaghettiI decreti sull’etichettatura della pasta che da ieri vengono ‘strillati’ a destra e a manca sono una presa in giro. Per i consumatori è importante sapere non cosa c’è scritto nelle etichette, ma quali sostanze sono presenti nella pasta. Perché, invece di queste chiacchiere, non scrivono nelle etichette se la pasta contiene glifosato o micotossine DON? Questa sceneggiata serve solo a nascondere la speculazione al ribasso che, anche quest’anno, colpisce il grano duro del Sud!

Da ieri una notizia ‘strillata’ a destra e a manca annuncia una rivoluzione per la pasta e per il riso: l’obbligo per l’etichettatura. Si tratta, come ora proveremo a raccontare, di decreti – firmati dai Ministri Maurizio Martina (Politiche agricole) e Carlo Calenda (Sviluppo economico) – che, almeno per ciò che riguarda il grano duro (e qui i derivati di tale prodotto, pasta in testa), possono essere definiti tutto fumo e niente arrosto.

In una realtà nella quale le multinazionali, ormai, si ‘comprano’ pure gli Stati, fornire indicazioni nelle etichette sull’origine degli alimenti (luogo di produzione e di lavorazione) non serve assolutamente a nulla!

Sarebbe molto più serio se il Ministero e le Regioni fornissero ai consumatori informazioni sull’eventuale presenza di contaminanti dopo aver effettuato le analisi (ogni Regione italiana potrebbe farlo attraverso l’ARPA, l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente).

Per continuare la lettura dell’articolo cliccate sul link sottostante

http://www.inuovivespri.it/2017/07/21/letichettatura-della-pasta-non-serve-a-niente-semmai-servono-i-controlli-su-glifosato-e-micotossine/

Nessun commento

Rispondi