“Nizza è Barbera” festeggia il Nizza docg, la «Barbera del futuro»

0
1784

Nizza è Barbera 3Da inizio millennio, a Nizza Monferrato si è lavorato molto nell’ambito promozionale, con particolare riferimento all’enoturismo, sviluppando collaborazioni costruttive tra produttori e Comune e i risultati positivi si sono visti fin dalle prime edizioni dI “Nizza è Barbera”,che arriva in crescendo alla XIV edizione, in programma da venerdì 8 a domenica 11 maggio.
Quest’anno la manifestazione, divenuta da anni la più importante dedicata alla Barbera, vino rosso simbolo del territorio e vitigno autoctono storico tra i più coltivati in Piemonte, si propone un obiettivo preciso: mettere al centro il suo mondo fatto di artigiani, etichette, paesaggi del vino, . Il tutto, senza dimenticare il gusto, il divertimento, la convivialità e la gioia che solo una grande festa del vino sa esprimere.

Una grande “piazza” di degustazione, eventi e interessanti incontri diretti con i produttori, il cui impegno verso la qualità dei loro vini ha dato buoni frutti di diffusione e immagine, anche sui mercati internazionali, che risultano in crescita.

Nizza è Barbera degustazioni bicchieriCon questo spirito e questo orizzonte, Nizza è Barbera – organizzata dal Comune e dall’Enoteca Regionale di Nizza Monferrato con il patrocinio della Regione Piemonte, della Provincia di Asti, del Consorzio di Tutela dei Vini d’Asti e del Monferrato – apre le porte ai turisti e agli enoappassionati. Ma anche ai professionisti della ristorazione, ai buyer e agli addetti ai lavori, i quali, in un solo luogo e in un unico evento, avranno a disposizione un rilevante panorama espositivo: oltre 50 produttori provenienti da tutto l’Astigiano e il Monferrato, per un totale che supera le 150 etichette a rappresentanza del vasto e variegato mondo della Barbera. L’evento è reso possibile anche grazie al supporto della Camera di Commercio di Asti, della Banca Popolare di Novara, dell’Enotecnica, di Monferrato Energia e di Tipografia Gambino.
nizzaPunto centrale della manifestazione è il Foro Boario. Allestito per l’occasione, il Foro (aperto sabato pomeriggio dalle 17.00 alle 20.00 e domenica dalle 11.00 alle 20.00) proporrà uno spazio espositivo professionale, all’interno del quale le aziende vitivinicole del territorio presenteranno al pubblico le loro etichetta di Barbera e lasceranno ampio spazio all’approfondimento e alla conoscenza del proprio lavoro. Ogni visitatore sarà dotato di una tasca con bicchiere per la degustazione acquistabile all’ingresso. Nel Foro Boario, inoltre, sarà anche possibile degustare un’ampia selezione di grappe locali.

Tutta la città è coinvolta nell’evento. Nei locali e nei negozi del centro storico – sabato dalle 19.00 alle 24.00 e domenica dalle 10.00 alle 21.00 – verranno proposti i piatti della cucina tipica piemontese abbinati ai vini dei produttori presenti sotto il Foro. Mentre in Piazza XX Settembre, si rinnova l’appuntamento con l’associazione Streetfood che darà vita ad un vero e proprio «Village» di chioschi e bancarelle dedicate al grande cibo di strada italiano: arrosticini, arancini, fritto misto alla piemontese, piade, lampredotto, porchetta, olive ascolane, pizza fritta e bombette, solo per citare i piatti più sfiziosi.
Protagonista della “tre gioni” sarà il Nizza docg, Dopo aver ospitato il Gewurztraminer di Termeno, lo Champagne, l’Alta Langa e il Barolo, la XIV edizione di Nizza è Barbera darà ampio spazio alla «Barbera del futuro»: non una sottozona, ma una «super Barbera» Nizza che esalta le caratteristiche uniche del suo territorio di provenienza. L’appuntamento con il Nizza docg è al Foro Boario per venerdì 9 maggio a partire dalle 17.00. La conferenza #Nizza: progetto di territorio vedrà la presenza di Flavio Pesce, sindaco di Nizza Monferrato, Mauro Damerio, assessore all’agricoltura di Nizza, e Gianluca Morino, presidente associazione produttori del Nizza. Modera la giornalista Fiammetta Mussio. A seguire, un’imperdibile verticale delle annate 2009, 2010 e 2011 del Nizza docg. A conclusione della serata, infine, la consegna del premio dedicato a Tullio Mussa, padre dell’Enoteca Regionale e grande promotore delle eccellenze nicesi.
morino«Siamo davvero orgogliosi di essere il vino protagonista di Nizza è Barbera. – precisa Gianluca Morino, presidente dell’associazione dei produttori del Nizza – Il nuovo disciplinare del Nizza docg, nato dalla stessa volontà dei produttori che hanno voluto autoregolamentare la loro eccellenza produttiva in completo accordo con il Consorzio di Tutela dei vini d’Asti e del Monferrato, sarà presto approvato a Bruxelles dalla Commissione Europea. Il disciplinare del Nizza docg è la carta di identità di un vino che, essendo chiamato con lo stesso nome di un territorio, sarà il capofila e l’alfiere di un progetto di crescita. Ora Nizza deve diventare un sistema, un’unione di intenti che dalla valorizzazione di un vino si diffonda alle altre risorse per rendere grande tutto il territorio».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui