La Tenuta Colle Massari, sponsor di Alinghi

0
2080

Colle Massari è una proprietà straordinaria dei fratelli Maria Iris e Claudio Tipa, si trova in Toscana nell’Alta Maremma e nella zona di Bolgheri. Maria Iris è la mamma di Ernesto Bertarelli, lo svizzero “mister Alinghi”, da 10 anni leader dell’America’s Cup. Ed esattamente, in Maremma c’è il Castello di Colle Massari, acquistato nel 1998, dove si produce dal 2000 il pregiato Montecucco DOC, tra le due DOCG del Brunello di Montalcino a Nord e il Morellino di Scansano a Sud (Ni.Pa.)

Nella frazione di Bolgheri – siamo del comune di Castagneto Carducci che si trova pochi chilometri a nord-ovest rispetto a Livorno – c’è il Podere Grattamacco, dove si produce dal 2002 un millesimo straordinario da uve Cabernet Sauvignon, Sangiovese e Merlot.

Colle Massari

Colle Massari è una tenuta di circa 400 ha che si trova a 320 mt di altezza sul livello del mare alle pendici del Monte Amiata, in una zona dove il microclima è fortemente influenzato dalle ventilazioni tirreniche e da elevate escursioni termiche. L’azienda agricola si avvale di 80 ha di vigneti, 22 ha di oliveti, 150 ha di seminativo. I terreni confinanti sono tutti boschi demaniali per un totale di 1.200 ha. Le uve che entrano nella composizione dei vini rossi sono essenzialmente il Sangiovese ed il Ciliegiolo, ma anche il Montepulciano, il Cabernet Sauvignon ed il Merlot. Per i vini bianchi la fa da padrone il Vermentino, sempre unito al Greco Bianco in misura minore.

Ci fa notare Claudio Tipa che si è fatto in azienda grande lavoro agronomico, in quanto era tradizione vendemmiare Sangiovese e Ciliegiolo contemporaneamente, ma si è visto che le curve di maturazione delle due varietà erano diverse: oggi si raccolgono le due bacche separatamente con risultati davvero eccellenti. La resa media del vigneto è di 60 qt/ha, e questo dato la dice già tutta sulla qualità delle uve che poi, durante la vendemmia, vengono selezionate ai tapirulan da mani esperte. La fermentazione delle uve destinate alla produzione di vini “Riserva” è prevista in tini di legno dalla forma conica aperti da 10 qt (come si usa a Bordeaux) con follature manuali, mentre per gli altri vini ci si avvale di vasche d’acciao inox termocondizionate. I vini vengono invecchiati a seconda delle tipologie da 10 a 24 mesi, sia in barrique francesi di Allier che in botti di rovere di Slavonia da 40 hl: l’elevazione in bottiglia non dura meno di sei/otto mesi. La cantina è stata progettata con uno sviluppo in altezza, ben quattro piani di bioarchitettura per un laboratorio sottoterra che si apre in un’area di ben 6.000 mq, per consentire la movimentazione di mosti e vini solo per caduta semza l’uso di pompe o altri mezi meccanici.

Naturalmente i vini sono prodotti da uve biologiche garantite e certificate dallAIAB.

I vini rossi firmati Colle Massari sono:

–  il Lombrone, Montecucco Gangiovese Riserva DOC (100% Sangiovese)

–  Il Colle Massari, Montecucco Rosso Riserva DOC (80% Sangiovese + 10% Ciliegiolo + 10% Cabernet Sauvignon)

–  Il Rigoleto, Montecucco Rosso DOC (70% Sangiovese + 15% Ciliegiolo + 15% Montepulciano)

Un Rosato:

– il Grottolo, Rosato Toscano IGT (70% Sangiovese + 15% Ciliegiolo + 15% Montepulciano)

Due i vini bianchi:

–  Irisse, Montecucco Vermentino DOC (85% Vermentino + 15% Greco bianco)

–  Melacce. Montecucco Vermentino DOC (100% Vermentino)

Un Olio Extra Vergine di Oliva:

– Podere Pecora Vecchia (50% frantoio, 20% olivastra seggianese, 20% leccino, 5% Moraliolo

Una Grappa:

–   Grappa Colle Massari, da vinacce umide di Sangiovese, Ciliegiolo, Montepulciano, con invecchiamente in barrique.

Grattamacco

Grattamacco è un’azienda agricola di 33 ha, che si trova sulla sommità di una collina tra Castagneto Carducci e Bolgheri  ad un’altezza di circa 100 ms.l.m. I vigneti sono estesi per 12 ha, mentre la restante parte è stata destinata ad oliveto: la collina è circondata da un’area boschiva di 1.600 ha. Dopo la vendemmia, rigorosamente manuale, ed il successivo controllo al tapirulan delle uve, i mosti giungono per caduta in piccoli tini tronco conici aperti di legno di rovere, dove iniziano le follature soffici e manuali, e le lunghe macerazioni. Si pone particolare attenzione alla fermentazione malolattica che avviene, spontaneamente, in barrique francesi, mantenendo sempre distinte le differenti varietà. Sempre in barrique francesi avviene l’invecchiamento dei vini, solitamente per 12/18 mesi ed infine si procede con l’assemblaggio dei vini che entrano in composizione, seguito da un affinamento in vitro di almeno 6 mesi in ambiente termocondizionato. Anche le uve della tenuta Grattamacco sono certificate Biologiche dallAIAB.

I vitigni impiantati per i vini rossi sono quelli che entrano nella composizione dei grandi francesi di Bordeaux, ad esclusione del Sangiovese:

–  Cabernet Sauvignon (55%)

–  Sangiovese (15%)

–  Merlot ( 15%)

–  Cabernet Franc (10%)

–  Petit Verdot (5%)

Il vitigno del vino bianco è solo il Vermentino, al 100%.

I vini rossi Grattamacco sono:

–  L’Alberello, Bolgheri Rosso Superiore DOC (70% Cabernet Sauvignon + 25% Cabernet Franc + 5% Petit Verdot)

–  Il Grattamacco, Bolgheri Rosso Superiore DOC (65% Cabernet Sauvignon, 20% Merlot, 15% Sangiovese)

–  Il Bolgheri, Bolgheri Rosso DOC (60% Cabernet Sauvignon + 20% Cabernet Franc + 10% Merlot + 10% Sangiovese)

Un solo vino bianco, il Grattamacco Bolgheri Vermentino DOC (100% Vermentino)

Un olio extra Vergine d’Oliva, il Grattamacco ( 40% frantoio, 25% leccino, 30% moraliolo, 5% pendolino)

Nino Panicola

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui