Cuori fiammanti

0
1471

Partendo da alcune ricerche sulla crema bruciata sarda, le cui origini risalgono alla crema catalana, si è giunti a questa reinterpetazione in chiave moderna attraverso un finger food composto dai classici voul au vent riempiti con crema catalana che ho chiamato cuori fiammanti. Il Natale si avvicina, già si sente nell’aria profumo di strenne. Il blog « Pecorella di Marzapane », insieme al giornale online « Scelte di Gusto » hanno indetto un contest di ricette dal titolo: STRENNE DI NATALE: tu cucini Scelte di Gusto premia!

Ricetta di proprietà di Giuseppe del blog dolciblei

Ingredienti 12-15 finger food:
250 g di pasta sfoglia
500 ml di latte
6 tuorli d’uovo
200 grammi di zucchero
50 grammi di amido di mais (maizena)
la buccia di un limone intero
una stecca di cannella
zucchero di canna q.b.
alcool puro q.b.

Preparazione:
Con l’aiuto di un coppa pasta o taglia biscotti, preferibilmente a forma di cuore, di 6 cm di diametro tagliare la pasta sfoglia (si consiglia di usare quella già pronta, in alternativa la si può fare seguendo la classica ricetta e stendendola dello spessore di 5 mm), ritagliare la metà degli stampi con un coppa pasta più piccolo (4 cm di diametro). Spennellare con acqua il bordo delle sfoglie intere e, aiutandosi con lo stesso coppa pasta del taglio, adagiarvi sopra le sfoglie tagliate una seconda volta eliminando la parte centrale e lasciando il bordo esterno.
Lasciare riposare in frigo per circa 30 minuti, bucherellare con una forchetta la parte interna e cuocere in forno a 180 °C per circa 20-30 minuti: togliere dal forno quando sono dorati.
Appena freddi, asportare con uno spelucchino o altro coltello a punta alcuni strati della sfoglia nella parte centrale per aumentare lo spazio disponibile.
Mettere sul fornello il latte con la cannella e la buccia di limone. Toglierlo dal fuoco poco prima che inizi a bollire e metterlo in una terrina a raffreddare. In un’altra terrina montare a crema i tuorli con lo zucchero.
Quando il latte è freddo, metterne un po’ in una tazzina (per sciogliere la maizena) e il rimanente versarlo in una casseruola assieme ai tuorli montati con lo zucchero, mettere il tutto sul fuoco a fiamma bassissima mescolando continuamente. Al momento che la crema inizierà ad addensare, aggiungere, continuando a mescolare, la tazzina di latte con la maizena precedentemente sciolta. Continuare a cuocere a fuoco lentissimo e a mescolare facendo attenzione a non portare ad ebollizione la crema, dopo circa 15 minuti la crema inizierà a diventare gialla e densa, questo indicherà la fine della cottura.
Fare intiepidire la crema, versarla nei cuori di sfoglia e metterla in frigo per un paio d’ore.
Al momento di servire, tirare fuori dal frigo e cospargere lo zucchero di canna sopra la crema, facendo attenzione a non fargli toccare la sfoglia. Con l’aiuto di un contagocce, bagnare lo zucchero di canna con alcool puro facendo attenzione a non farlo andare sulla sfoglia, accendere lo zucchero e servire immediatamente con la fiamma accesa (facendo molta attenzione a non farla spegnere!).
Una volta bruciato l’alcool la fiamma si spegnerà da sola lasciando lo zucchero caramellato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui