Alimenti contenenti probiotici: siano riconoscibili dall’etichetta.

0
1710

stracchinoQuale consumatore europeo non vorrebbe poter sapere immediatamente, leggendo l’etichetta di un alimento, se contiene “batteri probiotici” considerati i molteplici effetti salutistici collegati a questi preziosi microorganismi? Eppure oggi questa semplice informazione resta un tabù. Dal 2012 la normativa Ue sui claim nutrizionali e salutistici vieta di evidenziare la presenza di probiotici sulle confezioni o nella pubblicità di un prodotto alimentare. Per di più, poiché gli effetti dei probiotici sono ceppo-specifici (ossia sono diversi per ogni ceppo batterico), per evidenziarli in etichetta è necessario ottenere un’autorizzazione all’uso da parte dell’Efsa – European Food Safety Authority –  come “indicazione salutistica”. Un paradosso normativo pesante per le aziende alimentari che producono yogurt e latti fermentati: come sottolinea Assolatte, questo contesto limita gli investimenti in ricerca, frena l’innovazione di un prodotto così importante per la salute e impedisce una corretta informazione ai consumatori delle caratteristiche di questi alimenti e di queste bevande.

assolatteAssolatte – a cui aderiscono le aziende italiane produttrici di alimenti probiotici – è impegnata per trovare una soluzione a questa situazione di stallo. Assolatte è infatti promotrice di un “dossier” che ha riaperto il dialogo sul tema con le istituzioni di Bruxelles e quelle degli Stati membri per arrivare a una soluzione comunitaria dei termini “batteri probiotici” e “probiotici”.

In ambito comunitario, l’esperienza di riferimento è quella italiana. L’Italia è stata infatti il primo Paese europeo, agli inizi del 2000, ad aver adottato delle “Linee guida sui probiotici” che fissano le condizioni per l’utilizzo di questo termine entro i confini nazionali, sia nei prodotti alimentari che negli integratori.probiotici Considerato positivo ed efficace, ora il modello italiano è diventato un benchmark in Europa, tanto che Assolatte ha chiesto alla Commissione Europea il riconoscimento del termine “probiotico” come descrittore generico dei microrganismi aggiunti ai prodotti lattiero-caseari e agli integratori.

YogurtL’obiettivo è duplice. Da un lato, arrivare a stabilire le caratteristiche che un alimento o un integratore devono possedere per potersi definire “probiotici”, dall’altro dare un’informazione corretta e immediata al consumatore.
Per Assolatte raggiungere questi obiettivi è fondamentale per rilanciare la ricerca e l’innovazione riguardo l’impiego dei probiotici nei prodotti alimentari e favorire la ripresa dei consumi a livello comunitario allineando l’Ue a quello che sta accadendo nel resto del mondo, dove il mercato dei probiotici è in costante crescita.

Secondo le stime di Assolatte su dati Euromonitor, il mercato degli alimenti probiotici è cresciuto del 12% negli Stati Uniti, del 7% in Sudamerica, dell’11% in Asia e del 4% in Medio Oriente, mentre in Europa è calato dell’8%.
yogurt2Le previsioni stimano che il segmento più rappresentativo, quello degli yogurt e dei latti fermentati con probiotici, segnerà in Europa un -9% nel quinquennio 2013-2018 mentre a livello mondiale registrerà un clamoroso +34%.
Stando così le cose, il rischio è che di questo boom si avvantaggeranno solo i produttori e i consumatori extra-europei.

L’impegno di Assolatte per risolvere la situazione sta dando i primi frutti: la Direzione generale Santé della Commissione Europea considera ora prioritario riaprire il dibattito sul tema probiotici e raggiungere una soluzione condivisa a livello europeo, mentre l’Efsa ha già avviato una revisione delle linee-guida che le aziende devono rispettare per presentare le domande di autorizzazione dei claims salutistici.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui