Home Generale Siciliamo: a Marsala tempo di tirare le somme

Siciliamo: a Marsala tempo di tirare le somme

0 1257

Grande attrattiva turistica, enogastronomica e culturale ma non solo. La manifestazione Siciliamo, che si è conclusa ieri a Marsala (Tp) con il concerto dei Tinturia, ha avuto anche il merito di fare da fare arrivare nella città dello sbarco dei Mille anche compratori di grandi catene di supermercati negozi di prodotti di nicchia e distributori per ristoranti e grandi magazzini (A.Zi.)

Sono arrivati da Canada, Australia, Israele, Uruguay, Romania, Giappone e Colombia. Un’occasione ghiotta ( è proprio il caso di dire!) per i produttori trapanesi che hanno partecipato alla terza edizione di Siciliamo, promossa ed organizzata dalla Camera di Commercio di Trapani, per incontrare i buyers “a casa propria” facendo conoscere le loro aziende e degustare i prodotti.

Paul Michieli e Robert Di Maria di Campania food alimentare , proprietaria di ben 300 punti vendita in Australia, hanno apprezzato l’olio prodotto con le olive del Belice che, secondo una loro prima valutazione, può avere ottimi sbocchi commerciali. Yoshiko Satoh giunta a Marsala da Tokio per conto del gruppo Miyazaki è sembrata interessata, invece, ai prodotti di nicchia come conserve, confetture e distillati.

Mentre pasta, vino, olio ed aceto balsamico hanno destato l’attenzione dei buyers della Colombia, Paula Lara e Sara Ydrovo che comprano per conto della grande distribuzione di quel paese. Sembra essersi concluso positivamente anche il “viaggio in Sicilia” di Benny Asher che, pur arrivando da Israele, compra anche per il mercato del medio Oriente e della Cina e, sembra che ritorni in patria con in tasca  qualche contratto interessante.

Soddisfatto Giuseppe Pace, presidente della Camera di Commercio di Trapani.”Con Siciliamo – ha detto Pace- abbiamo voluto dar vita ad una manifestazione che riuscisse a coniugare coerentemente e proficuamente i due asset del nostro territorio, enogastronomia e turismo, comparti in crescita tanto nella produzione che nell’export e sui quali occorre puntare per dare corpo e sostanza ad un credibile progetto di crescita della provincia di Trapani. Siciliamo può e deve costituire, per le aziende dell’agroalimentare, lo strumento attraverso il quale ottenere un risultato positivo in termini di immagine ma anche di contratti firmati confermando il consolidamento, in termini qualitativi e quantitativi, delle produzioni locali “.

Tantissime le persone che nei giorni dell’evento hanno affollato la cittadina. Ma è proprio ieri, nella giornata conclusiva, che il centro marsalese si è trasformato per l’occasione di una vetrina del “Made in Trapani” in un autentico tripudio di sapori. Per il sindaco di Marsala, Renzo Carini “il binomio Camera di Commercio-Amministrazione è certamente produttivo e trainante per l’economia del nostro territorio e la manifestazione “Siciliamo” è un’ulteriore occasione per promuovere le attività locali. La fonte di reddito primaria dei marsalesi sottolinea- deriva prevalentemente dai prodotti della terra. Ecco perché bisogna fare in modo che quanto di buono e sano viene prodotto venga adeguatamente promosso e fatto conoscere, tramite i buyer italiani ed stranieri, fuori dall’isola”.

Arianna Zito

TUTTI I PREMI DI SICILIAMO 2011

Riconoscimenti agli studenti degli istituti alberghieri di Castelvetrano, Marsala e Trapani che hanno partecipato alla gara di chef tenuta al Complesso monumentale San Pietro, condotta dal giornalista Bruno Gambacorta, ideatore della rubrica “Eat Parade” del Tg2. Tre le targhe: quella per la cucina è andata all’istituto alberghiero di Castelvetrano; per la migliore pasticceria è stata assegnata all’istituto alberghiero di Marsala mentre l’istituto trapanese è stata data quella per i cocktails. Un premio speciale é andato anche all’istituto alberghiero di Roma, che ha partecipato all’iniziativa assieme alla Camera di Commercio della capitale e che a Siciliamo ha proposto “Romaincampagna”, esposizione di prodotti tipici della Strada dei Vini dei Castelli Romani e dell’associazione Produttori Formaggi storici della campagna romana.

Elenco delle aziende premiate nell’ambito di Siciliamo 2011

• Az. Agricola Terra di Shemir – Rilievo (Trapani)

• Baglio Ingardia – Paceco

• Az. Agricola Lombardo – Campobello di Mazara

• Az. Agricola Titone – Locogrande (Trapani)

• Frantoio Torre di Mezzo – Marausa (Trapani)

• Basiricò Pietro – Paceco

• Mangiarotti Emilio – Trapani

• Quartana Sergio – Marsala

• Angileri Marilena – Marsala

• Cantina Sociale Europa – Marsala

• Az. Vitivinicola Cottone – Marsala

• Arini enot. Giuseppe- Marsala

• Tenuta Gorghi Tondi – Marsala

• Fazio Casa vinicola – Erice

• Conti di Modica vini sas – Alcamo

• Abate Franca Alba – Trapani

• Donnafugata – Marsala

• Carlo Pellegrino – Marsala

• Pastificio campo – Napola (Erice)

• Salumificio Lipari – Alcamo

• Antico forno – Castelvetrano

• Solo sole – Catania

• Antichi sapori di Sicilia – Marsala

• Alicos – Salemi

• Liquorificio Nonna Rufina – Catania

• Alicia liquori – Salemi

• Distilleria bianchi – Marsala

• Enologica Cassarà – Alcamo

• Caruso e minini – Marsala

• Oltremare – Pantelleria

• Kazzen – Pantelleria

• Az. Agricola Barbara – Rilievo (Trapani)

• Az. Agricola Fontanasalsa di M.C. Burgarella – Fontanasalsa

• New palace hotel

(A.Zi.)

Nessun commento

Rispondi