Home Generale Food&flower weekend. A Taormina festa della Primavera, tre giorni di vetrine e...

Food&flower weekend. A Taormina festa della Primavera, tre giorni di vetrine e balconi in fiore, cooking show, corsi e visite guidate

0 499

d'agostinoA Taormina esplode la primavera con Food&Flower Weekend, una straordinaria manifestazione in programma i prossimi 6-7 e 8 aprile, lungo le strade e i vicoli della città più bella dello Jonio, che per l’occasione adornerà ogni vetrina e ogni balcone con mille fiori colorati e profumati, rendendo Taormina ancora più suggestiva.

Una nuova iniziativa voluta dalla neonata associazione dei commercianti Act Taor-mine con l’organizzazione di Éxpo srl, il cui taglio del nastro è previsto venerdì 6 aprile, alle ore 10.30 in piazza IX Aprile, alla presenza, tra gli altri, del presidente e del vicepresidente dell’associazione Nino Scandurra e Pietro D’Agostino, il sindaco Eligio Giardina, gli assessori Salvatore Cilona, Turismo, Pina Raneri, Verde Pubblico e Arredo Urbano, Tanino Carella, Commercio, il presidente del Consiglio comunale Antonio D’Aveni, il presidente dell’associazione Albergatori Taormina, Italo Mennella e l’event manager Barbara Mirabella, direttore generale Èxpo.
Un omaggio a quell’antico premio del “balcone più bello di Taormina”, che oggi si arricchisce del contributo dei commercianti e dei ristoratori. Non solo balconi, quindi. Ma anche vetrine e piatti in fiore con il lancio del concorso che premierà la vetrina e il balcone più belli.
Il food entra protagonista dell’evento e in linea con i nuovi stili enogastronomici più attenti alle materie prime e al decoro, si lega in un binomio perfetto al tema dei fiori per raccontare una nuova “storia”, fatta di gusto, sapore e colore. Petali di nasturzio, tagete, malva Sylvestris, pianta del ghiaccio, bocca di leone, viola del pensiero, gelsomino, sono solo alcuni dei fiori eduli con cui vengono decorati piatti che diventano non solo elemento estetico, ma aromi per esaltare il gusto di alcuni ingredienti e materie prime.
san domenicoUna tre giorni ricca di eventi che oltre all’allestimento di 10 vivaisti lungo il corso Umberto, vedrà l’alternarsi di cooking show, mostre, corsi di botanica, apicoltura ed elicicoltura, visite guidate in alcuni dei giardini segreti della città come quelli di “Casa Cuseni”, “Villa Shuler”, il “Parco dell’hotel Excelsior” che apriranno eccezionalmente al pubblico e l’antica villa comunale, un tempo residenza della nobildonna inglese, cugina della regina Vittoria Madame Florence Trevelyan. Previsti due convegni sui temi “Suolo e Salute SRL” introduzione all’agricoltura biologica e ai sistemi di qualità agro alimentari in Sicilia con Pietro Gemellaro, direttore regione Sicilia dell’organismo di controllo e certificazione (O.d.C) e “Le piante nella Bibbia”, con Daniela Romano, docente Di3A Catania e Daniel Carnabuci, agronomo.
In sfilata, poi i costumi scenografici floreali, realizzati a mano dall’Associazione Siciliani Doc.
balcone fioritoTanti gli chef che si alterneranno in piazza IX Aprile: la due stelle michelin Massimo Mantarro (’Principe di Cerami Hotel San Domenico’); la stella Michelin Pietro D’Agostino (La Capinera) che racconterà ’’Il design del cibo sostenibile; Seby Sorbello (Sabir Gourmanderie) ’”Vi presento la mia Etna”; Sandro Di Bernardo (Metropole) “Il mio piatto a suon di musica”; Roberto Toro (Grand Hotel Timeo) “La cucina dei Vip”; Gabriele Zuccaro (Ristorante Badia) “Il pesce azzurro nelle sue vesti”; Emanuele Garosi (Ristorante Kistè) Il mondo del senza glutine; Angelo Siciliano (Nettuno da Siciliano); Giuseppe Raciti (Zash Boutique hotel) “Dalla tradizione all’innovazione”; Luca Giannone ( Galù) “ Lamia cucina colorata”. Ancora, Mimmo Restivo (Tiramisù), Antonio e Giuseppe Chemi (La Botte); Marco Scimone (Bistrot du monde); Cristian Busca (La Plage Resort); Fabio Scordo (Osteria rossoDiVino). E poi, Tommaso Cannata (La Boutique del Pane di Messina) “il mondo del lievito madre”; gli arancini di Cristina “Un So-Riso di bontà”; Gabriele D’Ignoto (Villa Zuccaro) “sua maestà la pizza ‘’Patrimonio dell’Unesco’’; Nino Aloisio (Macelleria Alosio) “I miei 50 anni di vita lavorativa in un click”.
Proposte nuove, fresche stagionali, esaltate nella presentazione al pubblico dai piatti d’autore, fatti a mano, una linea designer for chefs” che l’autore Peppino Lopez ha dedicato ai cucinieri di professione.
Non mancheranno, poi, i drink show e i corsi tematici .

Nessun commento

Rispondi