Home Generale people & places L’Italia è Paese partner alla Fiera internazionale sull’alimentare di Colonia

L’Italia è Paese partner alla Fiera internazionale sull’alimentare di Colonia

0 1133

Anuga, la Fiera internazionale che si sta tenendo fino al prossimo 12 ottobre a Colonia, in Germania, è sicuramente l’appuntamento mondiale dell’anno più importante per la promozione del “food & beverage” e del settore agroalimentare ed enograstronomico. Rappresenta la vetrina globale dell’eccellenza agroalimentare e l’Italia è presente in forze con interi padiglioni dedicati alle sue eccellenze enogastronomiche. (A.Fi.)

Le aree espositive sonon quattro e occupano posizioni strategiche all’interno dei settori Fine Food, Organic, Bread and Bakery, Hot Beverages e Dairy (prodotti lattiero – caseari). Inomma 10 grandi Saloni specializzati sotto un unico tetto. Il salone è considerato il primo al mondo per l’ampia offerta e l’alto grado di innovazione: ogni due anni la passerella del food di Anuga riceve le visite dei più importanti decision-maker riconfermandosi puntualmente il luogo d’incontro per eccellenza degli operatori del settore e il suo forte carattere internazionale, grande stimolo per le esportazioni.


Da tempo l’Italia è il paese più rappresentato della fiera. La presenza italiana ad Anuga 2011 è in crescita rispetto alla scorsa edizione, quando il nostro Paese era comunque il più rappresentato con 1.032 imprese espositrici presenti. Il totale delle aziende presenti nel 2011 è di oltre 6.500, provenienti da circa 100 Paesi. La Germania è il paese verso cui è destinata la fetta più grande (il 20%) delle nostre esportazioni agroalimentari. Nei primi sei mesi del 2011, il dato riferito all’export agroalimentare in Germania ha fatto registrare un aumento del 7% rispetto allo stesso periodo del 2010, affiancato da una crescita del 5,5% delle importazioni.

E’ stata allestita un’area cucina dove gli chef Enrico Bergonzi – Ristorante Al Vedel, Filippo Cavalli – Osteria dei Mascalzoni, Fabio Romani – Ristorante Romani (Parma Restaurant’s Quality Club) stanno proponendo il meglio della tradizione gastronomica italiana.

Ad inaugurare la Fiera Anuga 2011, quest’anno è stato chiamato il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Saverio Romano, con il Ministro degli Esteri tedesco, Guido Westerwelle, al sindaco di Colonia, Jurgen Roters, al presidente della Confederazione federale dell’industria alimentare tedesca, Jurgen Abraham e al presidente dell’Associazione federale tedesca del commercio dei generi alimentari, Feriedhelm Dornseifer.

“È motivo di orgoglio e di indiscutibile prestigio il fatto che l’Italia sia stata scelta come il partner di questo importante appuntamento mondiale ha detto il ministro Saverio Roimano -. Da diverso tempo siamo il Paese più rappresentato nella fiera di Anuga e questo va di pari passo con la capacità del nostro agroalimentare di proporsi come  leader in Europa e nel mondo per la qualità indiscutibile dei propri prodotti. Nel mondo globalizzato non possiamo correre il rischio di perdere risorse nei mille rivoli di una promozione troppo locale e non programmata con efficacia. Anuga è senz’altro il posto giusto nel quale è utile essere presenti con il meglio delle nostre produzioni”.

Il ministro Romano è stato chiaro nel presentare nella vetrina mondiale il Paese Italia: “Occorrono maggiori sinergie tra Mipaaf, Ice, categorie produttive e tutti gli organismi che a vario titolo concorrono alla realizzazione di importanti politiche volte all’internazionalizzazione del Made in Italy. Ritengo che vi siano spazi enormi e che una seria e lungimirante politica della concertazione – ha detto –  non possa che farci raggiungere traguardi importanti. In questa prospettiva il Ministero che ho l’onore di presiedere intende sviluppare tutte quelle iniziative che possono consentirci di fare fronte comune. La mia disponibilità in tal senso è massima – ha concluso Romano – convinto come sono che il sistema agroalimentare rappresenti uno degli snodi strategici, non solo, per far uscire il Paese dalla crisi ma anche per consolidarne la posizione tra le maggiori potenze economiche del mondo”.

Antonio Fiasconaro

 

Nessun commento

Rispondi