Home Generale people & places Il libro sulla nutrizione di tutte le età ed in caso di...

Il libro sulla nutrizione di tutte le età ed in caso di patologie

0 1198

Venerdì 7 ottobre 2011, ore 18,45, alla Antica Fattoria La Parrina nell’ambito delle manifestazioni “Sotto i platani della Parrina libri e cultura”, Jeffrey Mechanick presenterà il suo libro “The complete guide to lifelong nutrition”, la guida completa alla nutrizione in tutte le età e in tutte le malattie (Ni.Pa.)

 

 

 

La nutrizione è la scienza dei rapporti tra dieta e salute, e la nutrizione è importante per mantenersi in forma e per prevenire e curare alcune malattie importanti. Molte persone che non fumano e non bevono alcolici in eccesso possono, con la dieta, influenzare la durata della loro vita. La dieta varia secondo l’età e gli stili di vita ma anche in situazioni fisiologiche e patologiche. Oggi sappiamo non solo che l’obesità e la magrezza eccessiva sono dannose, ma anche che determinati cibi o sostanze alimentari possono prevenire o accelerare malattie importanti come quelle cardiovascolari. Questi argomenti sono oggi molto seguiti ed innumerevoli sono i convegni internazionali nei quali si conferma che una dieta corretta , e tra tutte spicca la dieta mediterranea, contribuisce non solo a stare bene fisicamente, ma anche cones estessi e gli altri. Ricordiamo le recenti scoperte sugli effetti salutistici dei vini, il rosso primo tra tutti, che con il suo  resveratrolo contenuto nelle bucce permette di combattere efficacemente il pericolo di infarti ed ictus, oltre che prevenire altre malattie tumorali. È, pertanto, utile saperne di più in questo settore in cui a volte l’industria e il commercio intervengono con proposte che possono contrastare con l’esigenza di tutelare la nostra salute. Il Prof. Mechanick, direttore della divisione di nutrizione, Metabolismo endocrinologia del prestigioso Mount Sinai Hospital di new York, simpatico e affabile relatore, parlerà di questi problemi precisando quali sono gli alimenti da preferire, anche senza timori di un leggero sovrappeso, e quali sono quelli da evitare. L’intervento del prof. Mechanick sarà tradotto in italiano. Moderatore il Prof. M.A. Russo di Roma, mentre l’introduzione e la segreteria scientifica è curata dal Prof. A. Carpi Professore di Medicina interna dell’Università di Pisa.Dopo l’incontro, che avverrà con la consulenza letteraria della Libreria Bastogi di Orbetello e il coordinamento di Michela Papadia, gli intervenuti potranno cenare al ristorante della Fattoria La Parrina. La Fattoria La Parrina, ricordiamo, è una grande azienda agricola privata che si trova nel cuore della Maremma toscana, dove all’inzio degli anni ’20 ebbe inizio una vera trasformazione agraria che la trasformò da landa paludosa in un’area di notevole produttività. Oggi è una tenuta dove si trova un agriturismo con molte camere ed appartamenti ed un centro congressi: si producono vini Parrina DOC a base di Sangiovese, una vasta gamma di formaggi di latte di pecora e di capra. Notevole il vivaio dove sono raggruppate la flora e le essenze che formano la base del giardino mediterraneo. Molte tra loro erano già usate nelle ville dell’antica Roma; altre, come gli oleandri e il pitosforo, sono state introdotte, ma oramai possono essere considerate autoctone. L’Azienda Faunistico-Venatoria “La Parrina” è ubicata nel comune di Orbetello ed occupa un territorio complessivo di 585 ettari. La presenza sul territorio di un accordo faunistico-venatorio è molto importante perchè consente la pratica di una caccia controllata nel rispetto e nella salvaguardia del territorio e dei suoi naturali occupanti. Il paesaggio è in prevalenza collinare, con altitudine massima di 354 m s.l.m., mantenutosi stabile nel tempo, e costituito da una buona parte agricola e da una superficie boschiva piuttosto accorpata, in grado di garantire, complessivamente, un’oasi sicura alla fauna del luogo, nonché a quella migratoria. La caratterizzazione della superficie boschiva è complessivamente di circa 200 ettari suddivisi tra querceti a prevalenza di leccio, roverella e cerro.

Nino Panicola

Nessun commento

Rispondi