Un successo per la sagra del Tirrimmulliru e della Nuvoletta

0
1168

di Federica Genovese

Si è conclusa a Randazzo, nel giorno dell’Immacolata Concezione, la seconda edizione della “sagra del Tirrimmulliru e della Nuvoletta”, con un bilancio positivo.

formaggio 1

Un programma ricchissimo di avvenimenti, aventi tutti come finalità la promozione dei prodotti locali.

Si parla al plurale proprio perchè Randazzo vanta un territorio vasto e variegato dove da secoli ci si dedica, oltre che alla pastorizia ed a tutte le attività ad essa connesse, a molte colture ed alla raccolta di prodotti che crescono spontaneamente, un esempio tra tutti, i funghi nelle loro più ricercate e conosciute varietà, dal porcino dell’Etna e dei Nebrodi al pleurotus ferulae (fungo di ferla).

 

Degustazioni dunque, per far conoscere le prelibatezze qui prodotte, all’ordine del giorno.

Tra queste, un posto di rilevo hanno avuto i salumi ed i prodotti caseari.

Quelle dedicate ai formaggi poi, hanno fatto conoscere due tra le specialità del settore più pregiate e ricercate nel mercato di nicchia: la “provola sfoglia”, premiata da  Alma caseus nel 2014, e la “ provola verdello”, entrambe prodotte dal caseificio “ La Cava” , azienda che va avanti oramai  da tre generazioni, le quali nel tempo hanno saputo accostare la tradizione all’innovazione.

 

Una degustazione “ doc” è sicuramente quella dedicata all’olio d’oliva, guidata dal presidente dell’Associazione Produttori Olio di Catania, Giosuè Catania.

L’evento è stato realizzato soprattutto con l’intento di far crescere l’interesse nei produttori locali che dispongono di notevoli estensioni di uliveti, affinchè il prodotto venga etichettato e commercializzato.

Ciò non solo nella prospettiva di far conoscere un prodotto di qualità e dalle caratteristiche eccellenti sempre più riconosciute e legittimate, ma anche perseguendo un indirizzo più propriamente politico, dove si intende creare un nuovo sbocco occupazionale.

 

I dolci, protagonisti principali e di richiamo dell’evento, hanno ottenuto il loro, meritato, successo.formaggio 4

 

Anche la questione linguistica ha avuto il suo spazio all’interno di questo evento.

Si è infatti tenuta presso l’aula consiliare Falcone -Borsellino del comune, la conferenza “Cultura alimentare e dialetto nella Sicilia lombarda”, in cui il prof. Salvatore C. Trovato, dopo un’ interessantissimo excursus linguistico su alcuni fenomeni culinari, ha interagito con i partecipanti per cercare di comprende quale sia l’origine etimologica di questo antichissimo dolce che è appunto il “ Tirrimmulliro”.

Anche se si è ancora lontani da soluzioni definitive, pare però che la conferenza abbia raggiunto gli scopi prefissati e portato qualche dettaglio in più alla ricerca. L’anno prossimo ne sapremo di più!

 

Non solo “ Tirrimmulliri” e “ Nuvolette”, i pasticceri randazzesi infatti si sono cimentati in una serie di showcooking in cui hanno riproposto, fuori dai loro laboratori, la preparazione di alcuni tra i dolci più tradizionali della cittadina.

Con grande passione ed entusiasmo, sotto gli occhi di un pubblico più che mai curioso e delle telecamere, hanno fatto sì che prendessero forma “nucattuli”, “pasticciotti alla ricotta”,”cassatelle alla mandorla” e le altre specialità prodotte nelle loro pasticcerie tutto l’anno.

cassata

A concludere questi dolcissimi spettacoli, con un impatto di grande effetto, lo showcoocking tenutosi giorno sette dicembre, quando i pasticceri dell’associazione culturale “ Duciezio ”, insieme alle maestranze locali, hanno  realizzato una cassata gigante, poi offerta al pubblico.

Un’occasione di arricchimento non solo per gli appassionati esterni, ma soprattutto per la comunità randazzese che si è onorata di ospitare i rappresentanti più importanti della pasticceria siciliana, e li ha visti collaborare entusiasticamente tutti riuniti sotto al vulcano, a dare spettacolo proprio in concomitanza alla magia delle spettacolari eruzioni laviche.

Così è la Sicilia, magia e spettacolo, per il palato e per gli occhi.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui