Home Primo Piano San Giuseppe: accanto a Zeppole e Sfince arriva la Corona di Alex...

San Giuseppe: accanto a Zeppole e Sfince arriva la Corona di Alex Mangano.

0 288

sfince con ricottaSan Giuseppe, che coincide anche con la festa del Papà non per mera coincidenza ma proprio perchè in questa giornata si celebra il nome del primo papà più importante per i cattolici – appunto Giuseppe discendente di Re Davide –  è anche la festa dei dolci, specie nel meridione d’Italia, in cui si consumano le famose zeppole e, in Sicilia, le “sfince“. Ogni bar, dal più piccolo al più grande, oggi è inondato di gente che compra le sfince. Ed ogni bar ne espone a centinaia.

coronaMa, in questo clima di grande tradizione, c’è anche chi “azzarda” un brioso guizzo di innovazione, ed in mezzo ad un coro a due voci che non dice altro che ” zeppole” e “sfince”, si leva una voce solista che dice “Corona di san Giuseppe“: la voce è quella dello chef Alex Mangano, e la corona di San Giuseppe è la sua particolare creazione pasticciera in occasione di queste celebratissima e dolcissima giornata. Un dolce che lo chef ha preparato per qualcuno, sul cui nome impera il top secret, e la cui ricetta rimarrà segreta fino a che la persona a cui è dedicato non lo avrà mangiato ed apprezzato. corona2Noi intanto ce lo guardiamo e cerchiamo di capire di cosa si tratti, con la promessa da parte dello chef, di conoscerne la ricetta quanto prima.

alex mangano2Si tratta di un dolce la cui base é composta da un morbido Pan di Spagna profumato agli agrumi con una bagna al Marsala ed una crema siciliana di ricotta e pistacchi , tempestato da piccole “Sfince di San Giuseppe” e  sormontato da una corona di cioccolato fondente tempestata di rubini di ciliegie candite e fili di arance caramellate” – spiega Alex Mangano .

Sicuramente, sia dal nome che dall’effetto visivo, questo dolce sembrerebbe dedicato ad una Regina, o ad una Principessa: una regnante quindi, magari in visita a Palermo? O semplicemente alla Principessa nella vita di qualcuno? O alla Regina della casa di qualcun altro? Non si sa: per queste notizie dovremo attendere, e magari sperare anche di trovare questo dolce imponente ben presto anche nelle pasticcerie della città.

Alessandra Verzera

Nessun commento

Rispondi