Home Interviste Riccardo Cilia, primo classificato a WineUp 2019, sezione antipasti. L’intervista.

Riccardo Cilia, primo classificato a WineUp 2019, sezione antipasti. L’intervista.

Riccardo Cilia si è aggiudicato il primo posto al concorso La Medusa a WineUp Expo, nella sezione antipasti, totalizzando punteggi altissimi. E lo ha fatto con un piatto che, di primo acchito, mi aveva lasciata visivamente un po’ perplessa, ma che già alla prova olfattiva aveva rallegrato i miei sensi. Un piatto con un nome particolare..

FB_IMG_1573919145965.jpg

Riccardo, questo 68 : un numero fortunato…

Certamente.  68km. Il nome è nato per caso. Dopo avere perfezionato il piatto dovevo trovargli un nome che comunque rafforzasse il pensiero da cui deriva il piatto stesso . E vedendo il contachilometri girare ho pensato di fare la somma dei km che i prodotti fanno per arrivare in cucina.E’ un piatto a cui sono affezionatissimo poiche è un piatto che deriva da ricordi d’ infanzia, un piatto che mi ricorda i giorni passati in campagna con mio nonno tra un’ insalata di pomodoro e cipolla, un po’ di pane di casa e del pesce alla griglia . Ho voluto riportare quei pranzi in campagna in una chiave contemporanea , fresca e giovane come me.

 

FB_IMG_1573919000568.jpg

Un piatto “nudo” senza orpelli e con ingredienti in purezza: sa di avere corso un rischio puntando sull’estrema semplicità?

Sinceramente ? No.  E’ un piatto che mi rappresenta al 100 %

Ma questi 68km li vogliamo ripercorrere insieme?

Partendo dal ristorante di famiglia a Comiso a 15km vado in un’ azienda agricola nelle campagne tra Vittoria e Scoglitti, e  recupero il Ciliegino.A 11 km andiamo da Molino Soprano, il molino piu antico del ragusano, in cui acquistiamo tutte le farine che usiamo per pane e grissini al ristorante. A 9 km un piccolo caseificio del ragusano di un giovane ragazzo Giovanni Criscione. Da cui acquistiamo la stracciatella. A 16 km ce il mercato ittico di Scoglitti da cui arriva lo sgombro. A 17 km km ci sono gli appezzamenti di terreno in cui vengono raccolte le olive per fare il pate e l’olio con cui viene condito il pomodoro . Ecco i famosi 68km!

riccardo cilia slide

Ho definito il suo piatto semplicemente come “pesce, pomodoro, in un connubio felicissimo che ha saputo regalare sensazioni importanti lasciando un “ricordo” appassionato al palato, tra consistenze e sentori da godere appieno”. Si ritrova in questa descrizione?

Abbastanza  Non sono uno che ama molto snaturare  la materia prima Questo è un dei piatti che rappresenta molto la mia idea di cucina,
fresca,diretta, di territorio ,tradizionale,senza fronzoli ma che colpisce. e mi piace che siano i piatti a parlare . E credo che sia conseguenza del mio carattere . semplice , perchè non sono uno a cui piace pavoneggiarsi.

FB_IMG_1573919153640.jpg

Quale è stato il collega che ha temuto di più durante la gara?

Un po’ tutti poichè molti non li conoscevo e poi anche perchè​, avendo gareggiato come secondo chef il primo giorno, non ho avuto modo di vedere i piatti degli altri colleghi in gara.

Quali sono i momenti più belli di WineUp che ha portato a casa con se?

L’incontro con alcuni colleghi /amici che non vedevo da tempo, i preziosi consigli e dritte degli chef presenti in giuria , l’ aver conosciuto nuovi colleghi con cui subito si è creato un bellissimo rapporto.

Un altro dei suoi cavalli di battaglia?

FB_IMG_1573918933565.jpg

Un altro cavallo di battaglia è un piatto dedicato a mio padre. Infatti si chiama “ A Mio Padre” perchè dopo molto tempo sono riuscito a fargli apprezzare la senape (°)  selvatica, che la rifiutava forse perchè da piccolo mia nonna gliene avrà fatto mangiare un bel po’.
E’ uno spaghetto aglio olio e vongole , mantecato con una crema di senape ( *)  selvatica e accompagnata da una mollica di pane croccante grossolana.

Alessandra Verzera

(*) https://it.wikipedia.org/wiki/Sinapis_arvensis

Nessun commento

Rispondi