Home Primo Piano Prima stella Michelin per “The White Room”, Grand Hotel Krasnapolsky

Prima stella Michelin per “The White Room”, Grand Hotel Krasnapolsky

Jacob Jan Boerma & Arturo DalhuisenIl ristorante The White Room di Jacob Jan Boerma è stato insignito con la sua prima stella Michelin lo scorso 11 dicembre, in occasione dell’annuale Gala Michelin di Amsterdam. L’esclusivo ristorante dello chef 3* Michelin Jacob Jan Boerma ha aperto le sue porte solo un anno e mezzo fa presso NH Collection Grand Hotel Krasnapolsky e vede alla guida lo Chef de Cuisine Arturo Dalhuisen.

Arturo Dalhuisen chef The White RoomDopo essere stato nominato miglior ristorante esordiente da Lekker500 – occupando il sessantaduesimo posto all’interno di questa importante classifica – e dopo aver ricevuto 16.6 punti da Gault & Millau all’inizio di quest’anno, il lavoro di Dalhuisen e del suo team è ora ufficialmente riconosciuto da Michelin, con una posizione di rilievo nella Guida Michelin 2018.

image002 (1)Un menù originale dai toni freschi, acidi e spezie.

Boerma, premiato con 3 stelle Michelin per il suo ristorante De Leest a Vaassen, ha curato il menù di The White Room insieme a Dalhuisen. Ingredienti eccezionali abbinati ai toni acidi e alle spezie (che da sempre contraddistinguono la cucina di Boerma) e uniti allo stile fresco di Dalhuisen rappresentano la combinazione perfetta di un’offerta gastronomica unica che – solo per citare alcuni esempi – si distingue per l’utilizzo di tonno, trota, ricotta, carote, agrumi, torte al limone francesi e cheesecake-éclair. I sapori di stagione donano poi un tocco ancora più speciale alla cucina di The White Room.

whiteroom1Il menù di un pranzo composto di 3 portate può essere degustato con 37,50 euro, mentre quello per la cena è disponibile a partire da 65 euro. Ogni piatto esprime ambizione e precisione. “Vogliamo realizzare una cucina raffinata accessibile a tutti gli appassionati gourmet che ricercano ingredienti di qualità. Su questo particolare aspetto concentriamo i nostri sforzi“, afferma Dalhuisen.

Nessun commento

Rispondi