Home Eventi & sagre Palermo capitale dell’alta moda. Dolce & Gabbana, tra monumenti e l’ ottimo...

Palermo capitale dell’alta moda. Dolce & Gabbana, tra monumenti e l’ ottimo cibo di Natale Giunta

dolce e gabbana giunta big slideE’ stata scelta per ospitare una settimana di moda e glamour , la capitale della cultura in carica: Palermo infatti dal 5 al 10 di luglio sarà improvvisamente simile a New York, a Tokio, a Milano. Manca poco quindi e le cose da fare sono ancora tante. Indubbiamente per il sindaco Leoluca Orlando un calendario carico di eventi vip dall’inizio del suo nuovo mandato: va benissimo, purchè tanto glamour non distolga l’amministrazione dai problemi veri della gente “comune”. Gente comune alla quale tutto questo sfarzo e scintillio sarà in larga misura severamente inibito, se non per i pochi eventi aperti alla cittadinanza: gli eventi, diversi ed in diversi punti della città e dell’immediata provincia, saranno infatti blindatissimi. Trapela molto poco, ed il poco che si sa parla a mezza voce di personaggi del calibro di Bill Gates, De Niro, Madonna, Brad Pitt,  tra i circa quattrocento  selezionatissimi ospiti della kermesse di moda che si inserisce nell’ evento annuale “Alte Artigianalità”. Prevista anche la presenza  di oltre 50 giornalisti della stampa estera tra cui il Time, The Wall Street Journal, The Financial Times, oltre naturalmente ad un servizio d’ordine di alto livcastello a mareello per garantire la sicurezza delle persone e il sereno svolgimento dell’evento.  Palermo quindi sarà sede di un evento importantissimo che ne diffonderà l’immagine nel mondo, dato che tra l’altro sono previsti molti shootings fotografici proprio nei luoghi più significativi e più rappresentativi della città. Eventi, insieme al grande concerto di Radio Italia, che sembrano fare eco allo sfogo di uno dei più rappresentativi chef del panorama enogastronomico siciliano e non , Natale Giunta, che circa un mese fa si era sfogato parlando di quanto sia ingiusto che di Palermo e della Sicilia si continuino ad esportare immagini grevi, pesanti e luttuose a fronte di ineguagliabili bellezze artistiche, architettoniche e maturalistiche, oltre che al buon cibo ed alla solida tradizione enogastronomica. Natale Giunta profetico? Pensandoci in retrospettiva forse no: voci di corridoio infatti indicano in Giunta ildolce e gabbana giunta 2 fornitore del service che si occuperà dei palati dei 400 ospiti illustri.  I bene informati riferiscono che tutti i catering, in tutte le location, sono state affidate al patron di Castello a Mare, così come già successo per il pranzo di Stato della coppia reale olandese, un’indiscrezione della vigilia rivelatasi poi fondataAnche in questa occasione Giunta rimane abbottonato: cortese ma fermo e categorico nel suo riserbo. Certamente però un evento del genere prevede un’organizzazione così tanto capillare  e meticolosa che qualche dettaglio doveva per forza passare attraverso le strette maglie della riservatezza. E quindi la notizia pare ben più che fondata, anche perchè si parla di qualche piatto particolare, specifico. Di certo si sa che, anche in questa occasione, la cucina internazionale non sarà la protagonista malgrado un parterre decisamente cosmopolita. La cucina tradizionale siciliana invece è la specifica richiesta degli ospiti. Giunta oggi ha attivato la segreteria telefonica del suo cellulare e non risponde: questo lascia intuire che le voci chGattopardotave girano siano abbastanza fondate. Anche perchè è trapelato qualcosa rispetto ad un piatto molto particolare dell’antica tradizione siciliana, che è il Timballo del Gattopardo, cucina dei Monsù, anche conosciuto come “pasticciu di sustanza“. Un piatto complesso, ricco, articolato e molto difficile specie dabilanciare negli accostamenti abbastanza arditi di dolce e sapido. Un piatto che è epitomio di una certa cucina ricca ed elaborata, tanto che fu scelto da Luchino Visconti come portata principale nelle famose scene del pranzo di famiglia del film Il Gattopardo, con Claudia Cardinale. Alain Delon e Burt Lancaster. Indipendentemente dal “toto chef” il fatto che si porti alla conoscenza del mondo un piatto storico della tradizione siciliana è un’assoluta meraviglia; uno dei tanti motivi di orgoglio di un certo modo di essere siciliani e di produrre sicilianità. Ancora una volta, la tradizione si mescola con l’innovazione e l’estrema modernità consolidando quel bellissimo ponte che è la nostra storia passata proiettata nel futuro.

Alessandra Verzera

Il programma, rispetto al quale non sono ancora stati forniti diversi dettagli, si svolgerà grossomodo così:

Giovedì 6 luglio: Evento Moda “Alta gioielleria” a Palazzo Gangi.

Evento “Cena di gala Placée” e “Party con musica dal vivo” in Galleria d’arte moderna (Gam), via S. Anna n. 21.

Venerdì 7 luglio: Evento: Moda “Alta gioielleria” (Uomo) a Palazzo Mazzarino.

Evento – Moda “Alta moda” (Sfilata donna) in piazza Pretoria.

Evento -“Cena di gala Placée” e “Party con musica dal vivo” e spettacolo pirotecnico in mare al Grand Hotel Villa Igiea.

Sabato 8 luglio: Monreale ospiterà una serie di eventi di cui non è stato ancora fornito alcun dettaglio, così come nulla si sa rispetto al 9 luglio per gli eventi che vedranno protagonista Trabia.

Domenica 9 luglio: Tutti gli eventi si svolgeranno a Trabia.

Dal 6 al 10 luglio: Esposizione permanente delle collezioni “Alta gioielleria donna e uomo, alta moda e alta sartoria al Grand hotel Villa Igiea.

Dal 5 al 10 luglio: Pop up Store Dolce e Gabbana “Presentazione e vendita collezioni speciali Prèt à porter” Dolce & Gabbana presso la Tonnara Florio.

Nessun commento

Rispondi