Home Di piatto in piatto La Dolce Vita: Canederli Alla Rapa Rossa

La Dolce Vita: Canederli Alla Rapa Rossa

Francy, titolare del blog Dolce Vita, ci propone una rivisitazione di una ricetta del nord: i Canederli. Il loro colore rosso, effetto della rapa, li intona perfettamente alle tinte del Natale. Per una tavola a tema. Con questa ricetta Francy partecipa al Contest di Natale di Scelte di Gusto e Pecorella di Marzapane.

Da  Francy del blog La dolce vita i   canederli alla rapa rossa

Questo e’ uno di quei piatti che quando li mangi e’ amore al primo assaggio! Ho fatto parecchie volte i canederli classici in brodo,ma questi sono qualcosa di speciale veramente!
Se non  mi credete provateli!!!

INGREDIENTI PER 11 CANEDERLI:

150 GR DI RAPE ROSSE

180 ML DI LATTE
150 GR DI PANE RAFFERMO DURISSIMO
20 GR DI BURRO 100 GR DI CIPOLLA TRITATA FINEMENTE
1 UOVO
1 SPICCHIO DI AGLIO
1 CUCCHIAINO DI CUMINO TRITATO FINEMENTE
SALE QB
PARMIGIANO QB
1/2 PORRO TAGLIATO A LISTARELLE
ERBA CIPOLLINA(IO AVEVO QUELLA ESSICCATA)

PREPARAZIONE:

Lessate le rape e frullatele.In una ciotola ammollate il pane con il latte e con l’aiuto delle mani formate una poltiglia.Aggiungete le rape frullate ,un uovo ed in fine il cucchiaino di cumino tritato.Amalgamate bene il tutto.Ponete la ciotola in frigo per almeno mezzora.Intanto in una padella antiaderente versate la cipolla tritata,lo spicchio d’aglio e il burro,fate soffriggere senza scurire la cipolla.Mettete una pentola con acqua salata a bollire.Prendete l’impasto per i canederli e formate le palle,che poi butterete nell’acqua che bolle.Lasciate cuocere per 5 minuti,scolateli e versateli nella padella con il trito di cipolla e aglio.Mantecate a fuoco bassissimo e aggiungete la farina.Nella stessa acqua dei canederli versate il porro e fatelo sbollentare qualche minuto.Nel piatto da portata,mettete come base il porro,adagiate sopa i canederli e spolverate con parmigiano ed erba cipollina.Un filo d’olio

                                                                          francy-ladolcevita.blogspot.com

Nessun commento

Rispondi