Home Primo Piano I Cuochi Etnei raccontano le tante proposte per i “Buffet Moderni”

I Cuochi Etnei raccontano le tante proposte per i “Buffet Moderni”

0 2237

IMG_1030Oltre cinquecento partecipanti, un totale di trenta ricette e una full immersion di due giorni tra le affascinanti proposte dei buffet. L’Associazione Provinciale Cuochi Etnei, guidata dal presidente Seby Sorbello, con la Federazione Italiana Cuochi ha inaugurato con questi ingredienti il nuovo anno appena entrato, proponendo ai propri iscritti ed anche ai soci delle altre otto province siciliane il Corso di formazione e aggiornamento sul tema: “Buffet Moderni”. Il corso, svoltosi nei locali dell’Esperia Palace Hotel di Zafferana Etnea martedì 20 e mercoledì 21 gennaio, è stato tenuto da un docente d’eccezione: lo chef Michele D’Agostino, direttore dell’Ateneo della Cucina Italiana, l’ente della F.I.C. che si occupa di formazione e aggiornamento.
IMG_1014Anche quest’anno – ha detto Seby Sorbello ad apertura della due giorni – stiamo proponendo a tutti gli associati, etnei e non solo, un calendario davvero ricco di incontri e approfondimenti, perché da sempre crediamo che il mestiere di cuoco sia soprattutto studio e continuo aggiornamento, per poi tradurre in esperienza tutto ciò che si apprende”.
Al corso di Zafferana, infatti, erano presenti anche numerosi alunni degli istituti alberghieri: “Eredia” e “Wojtyla” di Catania, ma anche da Giarre, Nicolosi, Lentini, Enna, Caltanissetta, Messina.
IMG_0959Oggi – ha spiegato Michele D’Agostino prima di mettersi all’opera – sempre più i territori italiani si esprimono attraverso le tradizioni culinarie. Vi posso assicurare che viaggio spesso per tenere anche corsi all’estero e l’Italia è il primo paese più apprezzato in termini gastronomici”.
IMG_0962Da qui la due giorni in cui il direttore D’Agostino ha proposto tante tipologie di cottura, varie tecnologie in cucina, cotture salutistiche a bassa temperatura e ricette realizzate con carne, pesce e vegetali, per tante proposte di buffet di prestigio, freddi e caldi.
Tortino di salmone norvegese, zucchine e ricotta; Galantina di lonzino di suino con verdure; Ricotta cotta in forma farcita con ciambotta di verdure e salsa del casaro; Terrina di coniglio e maiale; Terrina di capriolo ai funghi di bosco e semi di pistacchio in pasta brisè.Sono state solo alcune delle ricette proposte e realizzate.
Un intervento molto apprezzato dagli iscritti al corso, mentre lo stesso chef D’Agostino si è congratulato con la numerosa e vivace realtà dei cuochi etnei e siciliani.

Nessun commento

Rispondi