Home Generale Fil Rouge, storia e innovazione: un percorso gastronomico firmato dagli chef Accursio...

Fil Rouge, storia e innovazione: un percorso gastronomico firmato dagli chef Accursio Craparo e Sebastiano Lorefice

0 367

da sx Lorefice e CraparoSebastiano Lorefice incontra Accursio Craparo: un giovane chef vittoriese in tandem con il celebre chef stellato per una serata – evento innovativa ed intrigante.

La serata dal titolo “Fil rouge… storia e innovazione” si svolgerà questa sera, alle 20,30, a Scoglitti, presso il ristorante “La Roche Ancienne”, con vista suggestiva sul piccolo golfo noto per lo Scuogghiu i’ fòra, (scoglio al largo). È la prima volta di uno chef stellato a Scoglitti.

La serata  evento è stata ideata e voluta da Sebastiano Lorefice che da tre anni gestisce il ristorante “La Roche Ancienne”, al centro della promenade estiva a Scoglitti. «È nato tutto – spiega lo chef – da un mio incontro con Accursio Craparo. Mi rivedo molto nella sua cucina e ho capito che alcune cose ci accomunano. L’equilibrio dei sapori, il contrasto dei salati, ma soprattutto l’utilizzo di piatti e cibi semplici ed essenziali, con prodotti fortemente legati al territorio, sono alcuni degli obiettivi della nostra serata. Vogliamo proporre e far conoscere una “cucina antica”, i cibi tradizionali, rivisitati in chiave moderna. I sapori antichi vengono esaltati, resi più netti, più palesi, ma l’equilibrio dei sapori è la nota dominante».

Nasce da questo assunto il claim “storia e innovazione” che Sebastiano Lorefice ha voluto proporre per la serata. «Ai miei ospiti – continua - non vorrei offrire solo una cena, ma soprattutto un’esperienza, un percorso degustativo. È il mio contributo, il mio piccolo tassello, per la Vittoria che vorrei: una città capace di coniugare la sua storia, la sua tradizione, proiettandola nella società odierna, con una forte carica di innovazione».

La serata, uno degli eventi di punta di questo primo scorcio d’estate a Scoglitti, proporrà un aperitivo in terrazza, con Ostrica Tonic, Arancinetto con gamberi e mozzarella di bufala, pane cunzatu, spumante Blanc de blanc e l’Ice Ball Negroni, by “Mastro Miscela”, cocktail bar del centro storico di Vittoria. Si continua da seduti con Fish & Fruit, Spaghetti di mare, Trancio di pesce all’acqua pazza, pane e cipolla, uovo a la coque, melanzana e cioccolato. Ci sono i cibi tipici della tradizione siciliana e soprattutto della costa iblea che si proiettano però in una nuova esperienza degustativa con una forte carica di innovazione, con lo sguardo puntato anche sulla valorizzazione dei prodotti locali.

Le portate saranno accompagnate dai vini: Grillo di Mozia di Tasca d’Almerita, Vino Cerasuolo di Vittoria Cos e Diamante Passito Tasca d’Almerita.

accursio-craparoAccursio Craparo, il cuoco “delle due Sicilie”, lo chef capace di coniugare le esperienze culinarie dell’est e dell’ovest dell’isola, gestisce oggi il ristorante «Accursio », stella Michelin nel cuore di Modica. «Come due regioni distanti – spiega Accursio – ognuna di loro ha una propria storia che influenza i riti del gusto: le separano mille contraddizioni, ma le unisce una sconfinata ricchezza della natura che io cerco di custodire tutta, facendole incontrare nella mia cucina».

Nessun commento

Rispondi