Home Interviste Federico Ferrero: metti una sera a cena con il terzo Master Chef...

Federico Ferrero: metti una sera a cena con il terzo Master Chef Italia. La nostra intervista.

0 3105

ferrero vinceFederico Ferrero , anzi Federico Francesco Ferrero – terzo Master Chef Italia dopo  Spyros Theodoridis  e Tiziana  Stefanelli –  ha colpito i telespettatori ed anche gli addetti ai lavori non soltanto per le sue indiscusse ed indiscutibili capacità a fornelli di alto livello, ma soprattutto per la sua determinazione e  la ferrea volontà di affermare la ” cucina secondo Federico”, uscendo spesso da schemi e canoni e persino dalle indicazioni dei giudici.  Memorabile la sua presentazione di un’insalata di riso che ha fatto temere il peggio e che si è rivelata invece, e contro ogni previsione, un gran successo. Serio, calmo, riflessivo, concentrato e sempre corretto, Ferrero ha sorpreso tutti. Lui però rimane, semplicemente, “Federico”.

federico-ferrero-680x365Federico Ferrero, un medico in prima linea: la linea di fuoco di Master Chef Italia e dei fornelli più ambiti del Paese. Quando e perché ha deciso di partecipare a Master Chef?

Mi ha iscritto un’amica. Non avevo mai pensato di partecipare ad un talent televisivo ma adesso sono ovviamente molto felice che le cose siano andate così.

Nei suoi piatti, spesso minimal al limite del “freddo”, si è notata una sorta di ricerca quasi scientifica del dettaglio che fa la differenza, ma anche una precisione quasi chirurgica nell’assemblare gli elementi. Questo deriva forse dalla sua formazione scientifica che di certo non indulge né al fronzolo né al superfluo?

Non c’è nessuna freddezza e scientificità nei miei piatti. Legga il mio libro e venga a cena una sera da me!

Cucinare è: arte, talento , passione, istinto, ragione o studio?

Tutte insieme. La cucina è tutto questo e molto di più.

ferrero3Lei è un medico nutrizionista: il che però non implica che sia anche un eccellente cuoco. Da dove nasce la sua passione per la cucina?

E’ difficile dire quando esattamente nasca una passione. Probabilmente è qualcosa di innato che poi viene coltivato nel tempo, anche inconsapevolmente. Sicuramente penso a mia mamma e a mia nonna, due grandi cuoche che mi hanno trasmesso l’amore e il rispetto per il cibo, fin da quando ero bambino.

Di lei ha commosso l’anima che ha lasciato intravvedere nelle ultime battute della grande kermesse. Di lei l’ Italia ricorda un’affermazione colma di malinconia: “ nella vita ho raggiunto tanti traguardi, ma non ho avuto soddisfazioni”. Oggi probabilmente direbbe cose diverse…..

Si, certo. Questo traguardo è sicuramente anche una grande soddisfazione personale. Sono felice, come ho dichiarato subito dopo la vittoria, di avere la possibilità di dedicarmi anima e corpo a qualcosa che mi appassiona tantissimo.

masterchef-5Parlando di “anima”: quale dei tre chef che l’hanno giudicata è quello più ricco di umanità?

Sono tre persone molto diverse tra loro che apprezzo proprio nella loro diversità e complementarietà. Ognuno mi ha trasmesso qualcosa e insegnato molto. Il “ruolo” di giudice di MasterChef impone severità e rigore, ma questo non significa mancare di umanità.

Quale dei suoi compagni di avventura ricorda sempre con piacere? E di quale di loro invece preferisce dimenticarsi completamente?

Ricordo con piacere l’avventura nel suo complesso. Non c’è nessuno di cui vorrei dimenticarmi perché tutti ne hanno fatto parte e l’hanno resa speciale. Sono sempre andato d’accordo con tutti. Ovviamente nelle ultime fasi del programma forse qualcuno ha sentito crescere la rivalità, ma credo faccia parte dell’ordine delle cose.

ferrero4Com’è cambiata la sua vita dopo avere conseguito il titolo di Master Chef Italia? Oggi Federico Ferrero è più medico o più chef?

Federico oggi è soprattutto Federico. Siamo troppo abituati a dare etichette a noi stessi e agli altri. Mettiamo gli esseri umani e non la loro professione al primo posto. Nessuno è un medico, è uno chef, ma svolge questa funzione per un momento, se lo fa con passione, competenza, onestà. Mettiamo l’uomo al primo posto nelle nostre vite perchè nel professore, nella casalinga, nell’artista e nell’astronauta ci sono ugualmente molte cose interessanti da cogliere.

Cover Missione LeggerezzaSappiamo che al momento è impegnato nell’elaborazione del suo libro di ricette: può darci qualche anticipazione?

Il libro “Missione Leggerezza” è in uscita il 24 aprile. Non aspettatevi solo un libro di ricette, perché troverete molto di più.Si tratta di un viaggio nella cucina, nei sapori, nella memoria, nei profumi alla scoperta della vita e dell’inatteso. Ci sono molti stimoli che potranno essere colti da neofiti, esperti, vegani, vegetariani e onnivori.

E dal canto mio, come potrei mai rinunciare  ad un invito a cena così intrigante ed alla lettura di un libro così carico di premesse e di promesse?

Alessandra Verzera

Foto: web e Maybe Press

Nessun commento

Rispondi