Home Interviste Daverio: “L’Antico Borgo di Castellaro Lagusello rimanga patrimonio dell’ Italia e del...

Daverio: “L’Antico Borgo di Castellaro Lagusello rimanga patrimonio dell’ Italia e del mondo”.

0 652

Dario Daverio è un imprenditore. Ma non solo. E’ una di quelle persone la cui vita compie dei giri, per riportarle al punto di partenza. Si perchè Daverio per molti anni ha girato il mondo in lungo e in largo, dedito ad attività connesse al turismo ed alla ristorazione fino a che, rientrato in Italia, è diventato manager d’azienda – prima come dipendente poi come titolare. Ma tutto era di nuovo destinato a cambiare. La vita recente e la vita futura di Daverio erano scritte sulle pagine di un giornale di Mantova, una domenica mattina.

torrettaDaverio, cosa è successo una domenica mattina di un paio di anni fa?

Ero al pranzo domenicale dai suoceri e sfogliando un quotidiano leggo un articolo a tutta pagina ” Antico Borgo di Castellaro Lagusello ospiterà 20 profughi“.Ho fatto un salto sulla sedia. L’albergo ristorante è sito tra le mura medievali del Castello di Castellaro, uno dei Borghi più belli d’Italia , bandiera arancione e patrimonio Unesco . A ridosso del laghetto a forma di cuore con camere con vista sulla Villa Arrighi dei marchesi Tacoli e sulla torretta. Ho pensato che la destinazione dovesse essere qualsiasi tranne che quella: ,la zona è quelle colline Moreniche 15 chilometri a sud del Garda ,frequentatissima da turisti di ogni parte d’Italia e del mondo. Ho pensato che l’Italia non potesse cadere così in basso privando questa bellezza alla vista del mondo intero. Ho convinto mia moglie ed insieme , dopo lunghe trattative con la proprietà , abbiamo preso in affitto la struttura e le licenze. E’ stato l’amore per l’Italia e le sue bellezze uniche a spingermi, avendo già un ‘altra attività avviata.

lagoPerchè secondo lei la proprietà aveva deciso di cedere la struttura, che pure ha un enorme valore dal punto di vista turistico?

Dopo due gestioni fallimentari la proprietà ha probabilmente pensato che 20 posti letto per 35€ al giorno, senza stagionalità ,per qualche anno con costi di gestione molto limitati rispetto alla normale conduzione , fosse una condizione molto allettante; considerando anche la qualità dell’offerta e costi del personale richiesto per questo tipo di conduzione.

 E lei, Daverio, come si è organizzato?

Siamo entrati in Aprile , pulito e rinnovato tutto, per aprire a metà luglio 2014. Abbiamo lavorato con personale a chiamata inizialmente , per ridurre i costi di gestione , coprendo noi  in prima persona  i vuoti , sia in cucina che in sala, che in albergo . Tante ore , tutti i giorni . Insomma , tanta fatica e impegno.

archiSi parla tanto di “accoglienza”: lei non crede che il suo gesto possa essere interpretato come un atto di intolleranza? Come un aver voluto chiudere la porta all’accoglienza degli immigrati? La sua decisione è stata criticata?

Non è stata criticata, ed  anzi in paese è stata accolta con un sospiro di sollievo trattandosi di un borgo di sole 400 anime.
Qualcuno può considerarlo come un gesto di intolleranza ? Non mi interessa : io sono intollerante infatti alle politiche migratorie imposte da Elites e multinazionali che governano questa globalizzazione. Non mi arrendo a vedere il mio amato paese ridotto ad un centro di accoglienza migranti, svenduto e violentato da una classe politica imbelle , senza amor proprio e di Patria

La struttura si avvia alla terza stagione, tra fatiche ed economie incerte: il suo bilancio ad oggi la ripaga dei sacrifici fatti?

Sono molto soddisfatto di quello che abbiamo fatto  e stiamo facendo . Il locale è partito e cresciuto , abbiamo quindi deciso,quest’anno, di subaffittare il ristorante ed il bar ad una coppia di giovani volonterosi che avevano lavorato da noi in precedenza . Ora noi abbiamo la gestione delle camere alle quali ci stiamo dedicando a tempo pieno e i risultati si sono visti già da questo mese di aprile : abbiamo triplicato le presenze rispetto allo scorso anno.

fioccoL’Antico Borgo Castellaro di Lagusello: uno spicchio di paradiso, un lago a forma di cuore. Insomma, un luogo idilliaco da preservare e valorizzare, anche con la conoscenza dei prodotti enogastronomici locali. Cosa si mangia e si produce di buono nella sua zona?

La provincia di Mantova è nota nel mondo per la qualità dei prodotti gastronomici. La nostra scelta è stata , da subito , di proporre il nostro territorio in tavola quindi tutti gli acquisti vengono fatti direttamente nelle case di produzione a pochi chilometri da qui. Salumi tipici come il salame mantovano , la pancetta e la coppa da un produttore , il dolcissimo fiocco dall’altro . CapunseiE poi formaggio di capra , caciotte ,stracchini e ricotte sempre qui nei dintorni. Proponiamo soolo pasta fresca:  tagliatelle , maltagliati,tortelloni ed i famosi tortelli di zucca prodotti con zucche provenienti da un contadino fuori porta , selezionate e scelte in base alla loro dolcezza e qualità: se la zucca non è buona non si fanno tortelli. E poi ancora i capunsei , gnocchetti di pane tipici delle colline.  Ma ovviamente anatre oche faraone e polli allevati a terra in un piccolo allevamento a conduzione familiare. E la carne di maiale che a Mantova non può mancare e per finire un’ottima carne di cavallo per i famosi stracotti mantovani.

sbrisolonaPrevedibilmente, niente pesce…

Pesce poco ,ogni tanto luccio in salsa,fresco e pescato nel Garda . Ma compensiamo con pane, focacce e dolci fatti casa ,su tutti la famosa sbrisolona che non deve mai mancare. Ero uno dei pochissimi ristoranti in Italia ad avere una carta di soli vini naturali;  ora la nuova gestione ha deciso di inserire alcune cantine di Lugana e convenzionali del territorio , scelta da me non condivisa ma accettata. E’  comunque presente una cantina locale , che produce un ottimo uvaggio di Cabernet e Merlot con fermentazione sulla buccia,  Chardonnay che si propone sfuso come vino della casa , Chardonnay in bottiglia prodotto anche in anfora e con macerazione sulle bucce . vino naturale prodotto nel rispetto delle api , senza chimica in vigna ed in cantina.
Per l’albergo le torte sono fatte da noi così come le confetture con frutta di stagione . A breve potremo andarci a rifornire da un produttore di Castellaro che permette l’ingresso e la raccolta di ciliegie , mirtilli e more.

laguselloInsomma, un luogo di pace, di ottimo cibo e di puro relax in cui – udite udite- non esistono televisori. Come si trascorrono le giornate?

Dopo colazione porto in giro con noi anche alcuni ospiti dell’albergo e la cosa piace molto. Organizzo per gli ospiti dell’albergo anche delle visite ai produttori di ciò che offriamo in tavola :  4 ore alla scoperta dei produttori di salumi formaggi, vino miele ed erbe officinali.

 I luoghi di maggiore interesse nelle immediate vicinanze?

Siamo equidistanti da Mantova Verona e Brescia , 15 chilometri a sud del Garda , Sirmione , Peschiera e Desenzano . Le colline Moreniche belle, dolci , amate dai ciclisti con i loro borghi ed i castelli. Per concludere direi che questo posto è rinato . Ora turisti da tutto il mondo vengono a godere delle nostre bellezze , olandesi e tedeschi su tutti , rimanendo incantati . Credo nella possibilità del nostro paese di uscire da crisi e umiliazioni . La nostra bellezza ha solo bisogno di persone che la riconoscano senza darla per scontata e la valorizzino . Sto cercando di farlo , nel mio piccolo e la soddisfazione è immensa.

Alessandra Verzera

 

Photo credits: “Fiocco”, www.salumicorsini.it, “capunsei”, www.subitoricette.it

 

Nessun commento

Rispondi