Home Primo Piano Da Detroit a Terrasini per raccontare di vino e olio: Rosanna Ventimiglia...

Da Detroit a Terrasini per raccontare di vino e olio: Rosanna Ventimiglia la blogger dal cuore a stelle e strisce

ventimiglia1Nata a Carini, una vita tra Detroit, Michigan e Terrasini dove vive con il marito Alessandro grafico pubblicitario ed il piccolo Francesco. Dopo gli studi in “Hotel & Accomodation” consegue l’attestato di Assaggiatore di Vino ONAV e la relativa iscrizione all’Albo e di recente, consegue anche l’attestato di Sommelier dell’Olio, una nuovissima figura professionale certificata dall’AISO (Associazione Italiana Sommelier dell’Olio) che organizza corsi per la FIS (Fondazione Italiana Sommelier).

Rosanna, questi suoi saperi decide di metterli a disposizione degli estimatori e apre, nel 2015, un suo blog “Uva e Pomodoro”. Nel blog si trovano ricette di cucina in cui Rosanna sperimenta accostamenti particolari, pur mantenendo una struttura tradizionale dei piatti. La gastronomia siciliana, ricca di profumi intensi e violenti è la base dei suoi piatti, tuttavia le piace fare “viaggi” gastronomici per le regioni italiane e per alcune cucine estere, cercando sempre di dare un tocco personale alle ricette base e proponendo un corretto abbinamento vino-cibo. Ma andiamo a conoscerla più da vicino.

ventimiglia3Rosanna, ci racconta da dove nasce l’idea del blog e perchè?

Dopo avere concluso la mia formazione di assaggiatore di vini, ho ritenuto che fosse importante condividere pubblicamente la bella esperienza che ho vissuto. Mi stuzzicava l’idea di mettere a disposizione di chi vuole accostarsi all’universo dell’enogastronomia, il bagaglio di saperi, tecniche, curiosità che avevo acquisito. Oggi c’è molta curiosità e attenzione verso il vino, l’olio e l’alimentazione: ho creduto fosse giusto fare la mia parte.

Tantissimi i blog in giro per il web, cosa differenzia il suo dagli altri?

E’ vero: sono veramente parecchi, dunque, per differenziarmi, ho pensato di dare al mio sito un taglio culturale. Ogni recensione è accompagnata da una poesia o un aforisma di grandi scrittori e letterati del passato, legando così anche una semplice ricetta o una bottiglia di vino a un fatto culturale. Inoltre ho pensato di inserire una sezione “Storie” in cui abbino un vino a un personaggio storico o letterario.

Personalmente la rubrica che mi affascina e mi piace leggere di più è “Storia”. L’abbinamento vino, storia e letteratura tra racconti reali e fantasiosi, a mio avviso, avvicina il lettore alla cultura enogastronomica. Da dove nascono i suoi racconti?

Solitamente un vino si abbina a un piatto o a una pietanza. Ma dal vino si possono trarre delle sensazioni uniche che ne rivelano il carattere, la personalità. Dunque ho pensato di abbinare queste peculiarità, queste caratteristiche a un personaggio famoso, storico o fantastico. Le storie nascono tra realtà e fantasia e suscitano curiosità al lettore che scopre le affinità tra un buon Amarone e il poeta Catullo, tra Pablo Neruda e un robusto Negroamaro, tra un floreale Syrah e Ruggero II di Sicilia.

uva2Di recente consegue il diploma di “Sommelier dell’Olio” , figura nuovissima del settore e da qui la nascita della sezione “Oli” del suo blog. Cosa tratterà questa sezione, ci dia qualche anticipazione.

La mia irrequietezza e la voglia di allargare la mia formazione mi ha portato a conseguire questo attestato, organizzato per la prima volta in Sicilia. La diffusione della cultura dell’olio, dalla coltivazione delle olive fino alle nostre tavole è poco conosciuta e meritevole di essere divulgata. Come il vino anche l’olio è analizzato e recensito in base alle sue qualità organolettiche e di conseguenza abbinato correttamente a una determinata pietanza. E’ un mondo verso il quale c’è grande curiosità ed attenzione non solo dagli addetti ai lavori ma anche dai consumatori, dunque è giusto educare e informare per saper scegliere l’olio da usare a tavola.

ventimiglia2Programmi e progetti futuri?

Mi piacerebbe far emergere il mio lavoro tramite la crescita di questo sito, cercando di farlo diventare un punto di riferimento per gli appassionati del mangiare e bere bene e sano. Personalmente mi piacerebbe affermarmi professionalmente in questo settore. Vino e olio mi affascinano particolarmente e spero di poter trasformare questa passione in una gratificazione professionale.

Sommelier e assaggiatore di vini sono due figure che tendono molto spesso ad essere confuse ma in realtà rappresentano due professioni distinte e separate. In comune hanno la degustazione dei vini a livello professionale, ma con compiti e funzioni ben diverse. E questo Rosanna ci tiene a precisarlo, il suo compito –  precisa –  è di assaggiare i vini dalla botte, prima che gli stessi vengano messi in commercio. “Cerco di individuare eventuali problematiche e quando necessario suggerisco le correzioni da apportare.”

Assaggiare e specializzarsi negli oli è diventata una vera e propria professione riconosciuta dall’Unione europea attraverso la ricezione del regolamento comunitario n. 2568/91. Ma il garbo e l’umiltà con cui Rosanna ci presenta il “suo mondo”, la sua professione è quasi disarmante.
E noi, che in questa rivista siamo sempre alla ricerca di talenti poco noti siamo orgogliosi di avervela presentata. Brava Rosanna, che la tua passione possa essere premiata come merita.

Tiziana Ciacciofera Triolo per SdG Iternational

Nessun commento

Rispondi