Home In cucina con Fulvio Papagallo Arancine siciliane: un piatto tra storia e mito

Arancine siciliane: un piatto tra storia e mito

arancina papagalloIngredienti per circa venti arancine: 

  • 1,300 kg di riso superfino arborio
  • 3 litri circa di brodo vegetale
  • 1 cipolla
  • 100 grammi di burro
  • 2 bustine di zafferano
  • 250 grammi parmigiano grattugiato
  • Olio di semi di arachidi per friggere
  • Pangrattato abbondante
  • Farina 00
  • Uova per la panatura

Per il ragù di carne:

  • 400 grammi tritato di carne di manzo
  • 1 cipolla
  • 100 grammi concentrato di pomodoro
  • 50 grammi di parmigiano grattugiato
  • 2 foglie di alloro
  • 2 chiodi di garofano
  • 200 grammi di piselli freschi
  • 2 dl Olio EVO
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • Sale e pepe q.b.

Procedimento:

Preparare il risotto circa dodici ore prima di realizzare le arancine (deve essere freddo, perché per la buona riuscita delle arancine l’impasto deve essere abbastanza duro e appiccicoso). Preparare il brodo, nel quale scioglieremo lo zafferano. In un tegame capiente, fare appassire la cipolla tagliata finemente, aggiungere il riso e farlo tostarequindi, sfumare con il vino bianco e sempre mescolando, aggiungere il brodo, ben caldo, poco per volta e portare il riso a cottura, togliere dal fuoco e amalgamare il parmigiano grattugiato ed il burro. Mantecare per qualche minuto, quindi versarlo in un piatto grande e farlo raffreddare.


Procedimento ragù:

Soffriggere in un tegame la cipolla con l’olio Evo. Aggiungere il tritato farlo rosolare a fuoco vivace, facendo attenzione a sgranarlo bene con un cucchiaio di legno, quindi sfumare con il vino.

Unire sale, pepe, alloro, chiodo di garofano e il concentrato sciolto in poca acqua e i pisellie far cuocere. (il ragù, alla fine deve risultare denso, quasi asciutto) e, a cottura ultimata, il parmigiano.

Potete continuare la lettura della ricetta qui:

https://fulvioelesuericette.com/category/fritture/

 

Fulvio Papagallo

Nessun commento

Rispondi