Home Generale people & places Adotta un albero d’ulivo nella Valle del Belice

Adotta un albero d’ulivo nella Valle del Belice

0 3836

Adotta un ulivo è un invito ad adottare un albero di ulivo della Valle del Belice, avvicinandosi in questo modo allo straordinario universo che gira intorno ad una pianta la cui storia è millenaria e la cui coltura è stata tramandata da Fenici e Greci che per primi hanno fatto di questo albero uno dei simboli della loro civiltà. L’iniziativa sarà presentata ufficialmente in occasione della prima tappa di Girolio, prevista il 14/16 ottobre nella Valle del Belìce (Ni.Pa)

L’adozione riguarda un ulivo che si trova nel triangolo dell’olio tra Castelvetrano, Partanna e CAmpobello di Mazara, zona protetta da una DOP, e che riguarda l’olio extra vergine di oliva Nocellara del Belice.

La Nocellara del Belìce, ricordiamo, è una oliva chesi presta bene ad essere consumata a mensa e come oliva da spremitura per ottenere olio: tradizionalmente la Nocellara viene raccolta a mano (brucatura) e nel giro di poche ore viene trasportata ai frantoi dove oggi viene lavorata a freddo per mantenere integri profumi e sapori.

Con l’adesione a “Adotta un ulivo” si contribuisce a salvaguardare un habitat molto singolare e mediterraneo, mentre a fronte di tale solidarietà si ha diritto ad acquistare 5/10 litri di olio che proviene dall’albero affiliato. Naturalmente si garantisce che l’olio sarà quello che è stato spremuto dalle olive dell’albero adottato. La Certificazione: un certificato di qualità attesterà la provenienza dell’olio, il produttore, la contrada, la data di raccolta e di molitura, le proprietà organolettiche.

Nessun costo aggiunto a quello del prezzo di mercato dell’olio extra vergine di oliva, cui si dovranno aggiungere le spese per la confezione (latta da 5/ 10 lt) e la spedizione. Tradotto in soldoni, la spesa per l’adozione  ed il conseguente acquisto di 5 lt di olio exta vergine Nocellara del Belìce è di circa 60 euro, oltre i costi di spedizione. L’iniziativa è di un operatore di Campobello di Mazara, Alfio Massimino, il quale desidera in tale maniera offrire il proprio contributo alla salvaguardia e alla rivalutazione di un prodotto alimentare prezioso e dalle uniche caratteristiche organolettiche, che il mondo ci invidia e che sta alla base della piramide alimentare della dieta mediterranea.

Per maggiori informazioni basta recarsi sul sito web www.frantoli.it -

Nino Panicola

Nessun commento

Rispondi